informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare psicologo delle cure primarie: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare psicologo delle cure primarie: studi e possibilità Studiare a Chieti

Il tema che riguarda lo psicologo delle cure primarie è un tema piuttosto recente. Anche in seguito all’emergenza pandemica che stiamo vivendo si è sentito tanto parlare di bisogno di supporto psicologico accessibile dai cittadini in maniera flessibile e immediata. A luglio 2020 è approdata al Senato una proposta di legge che auspica di inserire la figura dello psicologo come affiancamento ai medici della medicina generale. Si tratterebbe proprio di quello che abbiamo definito, secondo una formula ufficiale, psicologo delle cure primarie. Ma questo ruolo ha una storia precedente e il dibattito italiano non è la prima occasione in cui se ne parla. Prima di parlarti di come diventare psicologo delle cure primarie riteniamo che sia giusto fornirti alcune definizioni e approfondimenti in merito.

Psicologia delle cure primarie: definizioni

psicologo del territorioIl dibattito attivo in Italia negli ultimi mesi, riguardante le figure professionali dello psicologo di base e dello psicologo delle cure primarie, ha generato un po’ di confusione. Le due figure sembrano sovrapponibili. Possiamo dire che per quanto riguarda quest’ultima figura si tratta di un professionista che applica le proprie competenze psicologiche ma in modalità di cooperazione con il medico e altre figure specialistiche della sanità.

Può collaborare con il medico di base, non solo all’interno dello studio del medico ma all’interno di uno spazio suo, autonomo e indipendente. Gli invii possono giungergli da parte del medico di base oppure da un’iniziativa spontanea dei pazienti.

La finalità che persegue è quella di una presa in carico tempestiva e di un’assistenza psicologica di primo livello, che può avvalersi di ulteriori consulenze sempre di tipo psicologico o psichiatrico, a seconda delle necessita, con eventuale invio a cure secondarie o terziarie.

Lo psicologo delle cure primarie in Italia

In Italia la cura psicologica rientra nei servizi secondari o terziari. Questi significa che solo il medico di base a poter valutare la presenza di una problematica psicologica del paziente, se questo non si rivolge di propria sponte ad altri servizi, privati o pubblici.

Molti tentativi sono stati fatti per introdurre lo psicologo di base. Nel 2000, all’interno della Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute all’Università La Sapienza di Roma, furono attivati una serie di tirocini finalizzati all’apprendimento di capacità utili a formarsi in questo campo. Attività come:

  • osservazione delle richieste e della relazione medico-paziente
  • inquadramento psicosociale del caso e confronto con il medico
  • eventuale intervento esplorativo e di valutazione con il paziente (durante la visita ambulatoriale o su appuntamento)
  • laddove ritenuto necessario, invio a professionisti della salute mentale

Questo fu solo un primo tentativo, ma da allora diversi passi sono stati fatti per integrare lo psicologo nel sistema delle cure primarie. Alcuni anche fallimentari, come la proposta del 2010, che prevedeva che la figura di psicologo di base potesse essere svolta anche da altri professionisti come medici e odontoiatri.
La Sinap (Società Italiana Psicologi Area Professionale) operò alcune importanti correzioni al testo, che indicavano come esclusiva del ruolo la formazione e la professione di psicologo.

Da allora molte regioni si sono mosse autonomamente, prevedendo e spingendo verso l’istituzione della figura dello psicologo del territorio, che potesse lavorare in sinergia con i servizi sociali. Ma attualmente non ci sono uniformità in questi tentativi, e la proposta giunta al Senato rappresenta il più recente aggiornamento in materia.

Diventare psicologo

Sicuramente per diventare psicologo delle cure primarie è necessario un primo requisito di base: diventare psicologo. L’importanza di questo ruolo è data proprio dal fatto che si tratta di personale esclusivamente formato in questo specifico ambito disciplinare.

In questo senso il corso di laurea magistrale in Psicologia rappresenta il primo passaggio formativo e sicuramente il tipo di percorso accademico più adatto. Insieme a questi elementi di preparazione accademica sono rilevanti anche conoscenze attinenti, come la psicologia umanistica.

È molto importante che il futuro o la futura professionista sia formato per:

  • promuovere il benessere psicologico
  • identificare precocemente le situazioni di disagio psicologico connesse a problemi di salute fisica
  • fornire all’utenza gli strumenti per acquisire maggior consapevolezza circa il ruolo e le competenze dello psicologo
  • costruire percorsi di cura integrati che coinvolgano medici e altri professionisti della salute

Dunque, sia lo psicologo delle cure primarie sia lo psicologo di base sono figure professionali. Per assumere questo ruolo è necessario non solo avere la formazione magistrale in psicologia, ma anche possedere alcune competenze specifiche, utili a svolgere al meglio le funzioni all’interno del contesto, ad esempio:

  • psicologia della salute
  • psicologia ospedaliera
  • psicofarmacologia
  • processi di crisi e transizione nel ciclo di vita
  • processi di crisi e transizione nella malattia

Per avere maggiori opportunità di inserimento lavorativo una strada percorribile è rappresentata dai master universitario, formazione altamente professionalizzante che può fornire il know how adatto per predisporre il futuro professionista all’incarico che dovrà svolgere. Anche l’Università Niccolò Cusano mette a disposizione un’ampia scelta di master di primo e secondo livello frequentabili grazie all’innovativa formula della didattica telematica. Per maggiori informazioni puoi visitare la pagina dei master e compilare il form.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali