informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come applicare la regola 80-20 sul lavoro?

Commenti disabilitati su Come applicare la regola 80-20 sul lavoro? Studiare a Chieti

Conosci il Principio di Pareto? Bene, allora dovresti sapere che la regola 80 20 sul lavoro è un ottimo strumento per migliorare le proprie prestazioni. Ma procediamo con ordine e tentiamo di inquadrare ancora meglio ciò di cui stiamo parlando. Il principio di Pareto ci ricorda che solitamente è il 20% delle cause a provocare l’80% dei risultati. Seguici, nei prossimi paragrafi approfondiremo ancora meglio il teorema di Pareto per giungere a comprendere come si può applicare la legge 80 20 nel lavoro.

Teorema 80 20 di Pareto

Era la seconda metà dell’Ottocento quando Vilfredo Pareto, grande economista italiano nonché sociologo italiano, diede alla luce il teorema di Pareto. Dietro questo principio si celavano le lunghe osservazioni e i ragionamenti che lo studioso fece sui proprietari terrieri e la ricchezza. Si rese conto che l’80% delle terre era in mano al 20% delle persone.

In linea di massima il pensiero che sottende la teoria di Pareto sostiene che la maggior parte degli effetti è spesso dovuta a un numero di cause piuttosto ristretto. Anche risultati di grande portata sono comunque riconducibili a pochi fattori.

La teoria si può anche ribaltare. Quanto conta il restante 80% delle cause? Pareto sostiene che siano riconducibili al 20% dei risultati. Per ottenere questi risultati è necessario un impegno notevole, uno sforzo che in realtà ripaga in misura minore e poco rilevante.

Ovviamente la legge di Pareto non viene intesa come una legge strettamente matematica. La percentuale 80/20 è indicativa del rapporto e della misura che caratterizza il rapporto di interconnessione tra effetti e cause. Il punto sta nel comprendere che la relazione causa ed effetto non lega fattori che presentano misure o grandezze equivalenti, anzi la legge di Pareto ci vuole dimostrare che alcune cause hanno più peso di altre.

A conferma di questa tesi si possono fare alcuni esempi emblematici: l’80% delle risorse mondiali sono consumate dal 20% dei paesi del mondo. O ancora, il 20% della superficie terrestre genera l’80% della ricchezza minerale.

Applicare la regola 80 20 nella vita

Ora che abbiamo meglio compreso in cosa consiste la legge di Pareto possiamo capire in che modo ci può essere utile la regola 80/20 nella vita. Possiamo ispirarci alla presa di consapevolezza del peso maggiore in termini di rilevanza del 20% delle attività che generano l’80% dei risultati. Quali sono queste attività della tua vita che meritano la concentrazione e l’impegno più grande?

Per orientarti nella costruzione del tuo percorso personale tramite la regola di Pareto puoi interrogarti e riflettere se nella tua quotidianità ci sono attività che non contribuiscono alla tua soddisfazione e valorizzarle e di conseguenza puoi decidere se rimuovere queste attività oppure se dedicargli meno energie rispetto a quelle che sembrano essere più importanti.

Per aiutarti a puntare ancora meglio sui tuoi obiettivi ricorda che ogni obiettivo può manifestarsi in quattro modalità diverse, caratterizzate da:

  1. Poco sforzo, Piccola ricompensa
  2. Molto sforzo, Piccolo risultato
  3. Alto sforzo, Alta ricompensa
  4. Poco sforzo, Grande ricompensa

Forse ti può aiutare fare un esempio concreto. Hai scelto di studiare all’università e vuoi dare il prossimo esame. Ecco come si potrebbero presentare i quattro diversi scenari, a seconda della modalità con cui imposti la riflessione sullo sforzo e sul rendimento.

  1. Studi all’ultimo momento, non prendi neanche 18
  2. Studi per settimane, ma sei distratto. Al massimo 25
  3. Hai frequentato tutte le lezioni, studiato ogni giorno, fatto riassunti su riassunti e ripetuto a voce alta rispondendo alle possibili domande più toste. Il 30 e lode è assicurato
  4. Sei stato presente alle lezioni più importanti, prendendo appunti sui concetti chiave. Hai capito subito il cuore dell’argomento. Hai fatto schemi sintetici e chiari, per poi portare a casa un graditissimo 30

È facile intuire che il principio che orienta la regola 80 20 di Pareto è quella di ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo, ottimizzando tempo ed energia. Concentrando le tue risorse fisiche e mentali su ciò che apporta maggiore beneficio e felicità nella tua vita ti sentirai più appagato.

Regola 80 20 sul lavoro

Se non sei uno studente universitario, oppure se studi e lavori contemporaneamente, puoi utilizzare la legge di Pareto sul lavoro per costruire meglio i tuoi obiettivi professionali, in modo mirato e preciso.

Sei sicuro che stai facendo il lavoro che ti appaga maggiormente? Se la risposta non è affermativa chiediti quale può essere un ipotetico percorso 80 20 per cercare una nuova occupazione o passare a una nuova carriera lavorativa più soddisfacente e più linea con il tuo modo di essere.

Ricorda è il 20% delle attività quotidiane che svolgi a dare il massimo in termini di valore e felicità. Hai più tempo per quel 20%? Poi cercare di ridurre lo sforzo che fai con il restante 80%? Magari rinunciando a qualcosa o delegando attività che ti apportano ben poco.

La legge di Pareto ci offre lo spunto perfetto per trovare il modo di impiegare il tempo senza sprecarlo, dando alle cose che meritano il giusto valore e riducendo la rilevanza che diamo a ciò che non conta.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – diamant24

Credits foto 1: Depositphotos.com – stokkete

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali