informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come svegliarsi presto per studiare: 3 consigli per riuscirci

Commenti disabilitati su Come svegliarsi presto per studiare: 3 consigli per riuscirci Studiare a Chieti

Tutti gli studenti si chiedono come svegliarsi presto per studiare, d’altronde siamo cresciuti con la convinzione che “la mattina ha l’oro in bocca”. Questo fatto di studiare la mattina presto è tema dibattuto tra gli studenti da tempo immemore, divisi in due agguerrite fazioni: quelli che studiano la notte e quelli che studiano di giorno. Voi in quale fazione state? C’è da dire che il riposo quando si è giovani ed energici non è una priorità, purtroppo. Anche chi non ha superato la soglia dell’età adulta dovrebbe aver capito quando lo sforzo fisico e il dispendio di energie può inficiare la concentrazione. Studiare la notte può anche andar bene, a patto che si dormano le ore sufficienti e che il resto della giornata si conduca uno stile di vita sano? Ma allora perché molti credono che sia meglio studiare la mattina? Perché si crede (e in parte questa credenza ha ragioni scientifiche) che la mattina ci sia una circolazione di energia più pulita e chiara, che aiuta a mantenere alta l’attenzione e a memorizzare meglio. Se vuoi tentare di cambiare i tuoi ritmi e cerchi di trovare metodi efficaci per svegliarsi la mattina per studiare sei capitato sull’articolo giusto. Eccone tre, sperimentati e garantiti.

Studiare di mattina vs studiare di notte

svegliarsi presto per studiareStudiare di mattina ha i suoi vantaggi come abbiamo detto. Le prime ore della giornata sono più fresche e non siamo appesantiti da quanto accaduto durante tutta la giornata, che può anche essere piena di imprevisti. Inoltre chi studia la notte tende, ahimè, a non darsi un limite, e a fare tardi, molto tardi. Mentre chi si sveglia presto riesce a pianificare il tempo per studiare in modo migliore: tot ore dedicate allo studio, dopodiché si può fare altro.

Sembra un discorso molto rigido e disciplinato e in parte lo è. Purtroppo c’è questa falsa credenza che inserisce l’organizzazione sia una gabbia, mentre, invece, regala molta libertà. Con meno pensiero e con maggiore pianificazioni ci si libera delle preoccupazioni, si lavora e si studia meglio.

E allora la pratica dello studio di mattina ci aiuta anche a sviluppare maggiore serenità e fluidità nei nostri impegni quotidiani, con il giusto apporto di riposo. Ma come si fa? Come si inizia a prendere questa buona abitudine? Qui di seguito trovi tre trucchi da testare per svegliarsi la la mattina per studiare e ottenere ottimi risultati.

Riposare bene per studiare di mattina

Abbiamo detto le ore di sonno sono importanti. Tra sette e otto ore è l’ideale, meno si inizia ad andare in deficit di energia. Per riuscire a dormire di più quando si studia ci vuole un buon planning di studio, che parte innanzitutto da una lista di priorità. Mille impegni non possono essere portati tutti a termine nell’arco di sole 12 ore di veglia ed è meglio capire che durante la sessione di esami, se non si vuole rischiare una crisi di stanchezza e una bella dose di nervoso, ci si deve concentrare soprattutto sugli esami. Svegliarsi presto per studiare la mattina è più facile se si può rinunciare a qualcosa la sera. Innanzitutto l’uso smodato di smartphone e schermi, dal momento che è scientificamente provato che inducono insonnia, quindi meno bingewatching e più spazio ad attività rilassanti come leggere una rivista (non studiare la sera se hai scelto di studiare la mattina, attiverai il cervello eccessivamente), meditare o fare un po’ di stretching.

Una sveglia per andare a dormire presto

No, non abbiamo sbagliato a scrivere il titolo. Hai sempre pensato che la sveglia servisse esclusivamente a svegliarsi presto la mattina? Ma no, abbiamo una sorpresa per te. Si può puntare la sveglia anche mezz’ora prima dell’orario in cui si vorrebbe andare a letto e dormire. Questo avviso ti ricorda di concentrarti sull’intento, ti suggerisce di staccare con le attività pesanti e impegnative e di predisporti con quelle favorevoli al sonno: una tisana calda e rilassante, una doccia tiepida. Provare per credere. Un altro incentivo per svegliarsi presto utilizzando la sveglia come strumento motivante è impostarla con una suoneria personalizzata: la tua canzone preferita, la voce di qualcuno che ti fa sentire o anche la radio se sei un amante delle frequenze. I nuovi dispositivi per la casa, come Alexa, permettono con i comandi vocali di impostare la sveglia che preferisci. Studiare all’alba non è mai stato così piacevole.

Far entrare la luce del giorno

Lo studio non lavora con il favore delle tenebre. In questo articolo abbiamo cercato di spiegarlo bene. E visto che il giorno inizia con l’innalzarsi della luce, se sei riuscito ad andare a letto presto non sarà un problema lasciare uno spiraglio nella tapparella o nella persiana per far entrare i primi raggi e svegliarsi naturalmente con la luce del sole. La sveglia naturale è meno brusca e più gradevole, ti accompagna al risveglio delle energie in modo graduale, e studiare la mattina sembrerà la cosa più spontanea da fare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali