informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Diritto unione europea: che cos’è e come nasce

Commenti disabilitati su Diritto unione europea: che cos’è e come nasce Studiare a Chieti

Il diritto è una disciplina complessa. Chi si imbatte in un esame di questa disciplina all’interno di un corso di Laurea in scienze politiche o economia, o in qualsiasi altro indirizzo, è alle prese con nozioni e concetti di grande importanza. La materia consente di comprendere come l’individuo sia stato in grado di creare un ordine logico nell’amministrazione della cosa e delle questioni pubbliche. C’è poi una branca di questa disciplina che si occupa del diritto dell’Unione Europea. È più recente ma ugualmente denso di vicende e nozioni da assimilare. In questa sede cercheremo di illustrarti in generale quali sono i concetti base, gli eventi storici ad esso legato e le necessità a cui assolve.

Cenni storici sul diritto europeo

Con la definizione di diritto della Comunità Europea si intende l’ordinamento che a partire dal trattato di Lisbona ha delineato l’organizzazione dell’Unione Europea e degli Stati che ne fanno parte. Prima di arrivare all’assetto attuale si sono succeduti molti eventi, alcuni dei quali non possiamo approfondire in questo contesto. Sicuramente uno dei fatti fondanti è il cosiddetto trattato di Lisbona, stipulato in tempi recenti.

Era esattamente il 2007 quando Romano Prodi insieme agli altri esponenti politici firmarono per l’istituzione della Comunità Europea così come oggi la conosciamo. Prima di questo trattato internazionale ne erano stati firmati altri, come quello di Nizza, ma quello di Lisbona ebbe indubbiamente un ruolo più incisivo.

Le prime forme di diritto comunitario europeo vanno ricercate negli anni Cinquanta, i due eventi più significativi sono:

  • L’istituzione della Comunità europea del carbone e dell’acciaio nel 1951
  • La creazione della Comunità economica europea nel 1957

Quest’ultimo avvenimento è il primo dei i tre pilastri dell’Unione Europea, un concetto che si deve approfondire per comprendere meglio la storia di cui stiamo parlando. Ecco di cosa si tratta:

  • Il primo pilastro fu l’istituzione di un mercato unico, appunto la CEE
  • Il secondo pilastro la costruzione di politiche estere condivise
  • Il terzo la collaborazione giudiziaria e su temi quali libertà e sicurezza,

Con il trattato di Lisbona, di cui abbiamo parlato, i tre pilastri sono stati definitivamente smantellati per far subentrare la nuova comunità europea, che possiede personalità giuridica.

Il diritto comunitario si è fatto spazio nel corso dei decenni, cambiando il suo assetto da intergovernativo a sovranazionale. Vediamo nel dettaglio come funziona.

I principi del diritto comunitario

Nella storia dell’integrazione europea la questione delle leggi è particolarmente delicata ed intricata. In linea di massima possiamo affermare che il sistema comunitario ha quattro caratteristiche fondamentali:

  • È formato da organi di individui che agiscono a titolo individuale e non in rappresentanza dello Stato
  • Le decisioni sono prese attraverso il sistema del principio maggioritario
  • Gli atti sono vincolanti, non raccomandazioni
  • La legittimità degli atti viene controllata tramite un sistema giurisdizionale

Il diritto della comunità europea, nonostante abbia carattere sovranazionale è dotato anche di elementi tipici del diritto interno e nazionale. Le sanzioni in caso di mancato rispetto delle leggi appartengono a un sistema proprio, che riguarda non solo i privati agli interni degli Stati membri, ma anche coloro che si interfacciano con il soggetto europeo ma non sono parte di Stati membri. Può essere considerato una via di mezzo tra diritto nazionale e internazionale.

Cosa c’è da sapere sul diritto comunitario?

È da sottolineare come nel corso del tempo i vari paesi abbiano lasciato sempre più spazio al potere legislativo europeo, delegando parte della potestà normativa. Ciò si traduce in una reale impossibilità per le nazioni di emanare leggi che possano in qualche modo interferire con quelle comunitarie.

La legislazione europea diventa prioritaria, ma non sempre invalidante. I casi vanno analizzati e valutati a singolarmente, a seconda delle materie trattate e delle disposizioni e ratifiche emesse. C’è da dire che il primato di applicazione non è una legge scritta, ma semmai una interpretazione nata dall’operato della corte di giustizia nel periodo di integrazione che è stato necessario per diventare comunità europea.

Anche in questo senso il trattato di Lisbona è stato un po’ uno spartiacque. Prima di allora sia il diritto penale che quello amministrativo (che rientravano nel secondo e terzo pilastro che abbiamo visto sopra) erano gestiti in maniera intergovernativa. Dopo il 2009 invece l’Unione Europea può liberamente emanare leggi tramite direttive. Ciò significa che gli Stati membri devono recepire tali direttive e produrre leggi come indicato. I primi temi trattati con questo sistema sono stati la repressione della tratta di esseri umani e le pene per reati di pedofilia e pedopornografia.

Le fonti del diritto

Alla luce di quanto detto fino ad ora possiamo indicare anche quali sono le fonti del diritto comunitario:

  • Il diritto istitutivo dell’UE
  • Il diritto internazionale
  • Diritto comunitario derivato
  • Le sentenze della corte di giustizia europea

storia dell'unione europeaDella prima fonte fanno parte il famoso trattato di Maastricht, quello sul funzionamento e altri ad esso legati, come la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Numerosi sono i principi stabiliti come fondamenti, da quello di leale cooperazione a quello di non discriminazione, passando per la libera circolazione delle merci. Mentre la fonte del diritto comunitario derivato contiene le direttive, a cui abbiamo fatto accenno prima. Ma anche i regolamenti generali e le decisioni e le raccomandazioni, non sempre vincolanti ma aventi la funzione di sollecitare specifici comportamenti nell’interesse comune.

Come hai visto il diritto della comunità europea ha una storia particolarmente interessante e molti aspetti da approfondire. Chi ha studiato all’università questo tipo di discipline di giurisprudenza può avere un quadro completo del sistema. Ma anche chi ogni giorno segue le questioni di politica estera ha la possibilità di comprendere meglio le dinamiche sottese. Per avere consapevolezza del mondo condiviso in cui viviamo è importante saperne di più.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali