informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Dove lavora una criminologa? Cosa devi sapere

Commenti disabilitati su Dove lavora una criminologa? Cosa devi sapere Studiare a Chieti

Molti si chiedono dove lavora una criminologa o un criminologo. È una figura professionale che suscita un reverenziale timore o un terribile fascino, anche se bisogna ammettere che la sua “aura” è costruita da decenni di televisione, cinema e serie tv. Non tutti hanno idea di cosa realmente si occupi la criminologia, né tantomeno di dove lavora un criminologo. Con questo breve articolo vogliamo contribuire a diffondere informazioni veritiere su una professione così tanto fantasticata. Impariamo a conoscere e rispettare la figura del criminologo.

Dove lavora una criminologa

cosa fa un criminologoLa figura del criminologo in Italia è ancora troppo poco conosciuta, o conosciuta solo sulla base di dicerie e di spettacolarizzazioni inutili, come abbiamo in parte anticipato. In realtà una figura professionale autonoma, definita ufficialmente come criminologo non esiste, in quanto non esiste un’associazione, un albo o un ordine di categoria che la riconosca.

Eppure esistono molti corsi di laurea in cui rientrano esami di discipline definite con la nomenclatura “criminologia”. Di che si tratta?

Quella della criminologia può essere una carriera legata a diversi ambiti. Da una parte a quello psicologico-medico, dall’altro a quello sociologico. Esistono specifici corsi di laurea in Psicologia Forense o in Criminologia, ma è giusto sottolineare ulteriormente che tali corsi di laurea non qualificano ufficialmente per il titolo di criminologo. I futuri laureati possono però rivendicare una competenza specifica in questo settore, declinato a partire da altre discipline: psicologiche, psichiatriche o più in generale legate alla salute della persona.

Oppure, possono vantare competenze di analisi sociologiche per la gestione del rischio criminale, abilità di comprensione e approfondimento delle dinamiche dei gruppi sociali in cui emergono tendenze criminali.

In ogni caso, la mancanza di un riconoscimento ufficiale della criminologia non significa che non ci siano contesti professionali in cui questa viene inserita, anzi. Alla domanda dove lavora un criminologo si può rispondere ovunque venga riconosciuta la sua specificità e ovunque ve ne sia bisogno. Sono sempre più numerosi i bandi in cui vengono ricercate queste qualità professionali e specializzazioni in criminologia o scienze psichiatriche forensi, ottenute in scuole di specializzazione o presso i master universitari.

Dove lavora un criminologo e cosa fa

Ovviamente le attività che svolge il criminologo e cosa fa sono diverse a seconda del contesto in cui viene inserito. L’applicazione professionale di questa figura può essere richiesta per una consulenza in ambito giuridico, in fase istruttoria o processuale, principalmente in tre diversi casi:

  • Dai legali della difesa durante i procedimenti penali, per contribuire a un’attenta ricostruzione dei fatti oggetto del processo, o per strutturare un’adeguata strategia difensiva
  • Dal Pubblico Ministero in fase istruttoria o dibattimentale, sempre per la ricostruzione dei fatti o per l’elaborazione di un profilo criminale in caso di “reo ignoto” o per reperire elementi ulteriori
  • Dal giudice di un procedimento penale, quando il magistrato reputa necessario l’intervento di un criminologo per chiarire dinamiche ed elementi di una vicenda

Da quanto abbiamo detto finora sembra sufficientemente chiaro che in qualsiasi contesto dove lavora la criminologa o il criminologo sarà doveroso conoscere i fondamenti del diritto, e per questo motivo durante i corsi di laurea, anche di stampo psicologico o sociologico, sono previsti esami di diritto.

Quanto guadagna un criminologo

Oltre a chiedersi dove lavora un criminologo, la seconda domanda più frequente è quanto guadagna un criminologo. Abbiamo già detto che non esiste una figura univoca e riconosciuta, ma qualora si riesca a diventare consulenti in criminologia e a maturare le competenze e le esperienze professionali giuste per svolgere questo ruolo nei contesti in cui viene richiesta la presenza, allora lo stipendio medio di un criminologo è di 38.500 € lordi all’anno (circa 1.970 € netti al mese), superiore di 420 € (+27%) rispetto alla retribuzione mensile media in Italia, come riporta il portale Jobbydoo.

Sempre attraverso questo portale è possibile reperire altre interessanti informazioni. Lo stipendio minimo può partire da 25.000 € lordi all’anno, mentre quello massimo può superare i 200.000 € lordi all’anno.

Molto dipende anche dal numero di anni di esperienza. Con meno di tre anni lo stipendio medio è di circa 34.000 € lordi all’anno. Mano a mano che crescono gli anni di esperienza cresce anche lo stipendio:

  • con 4-9 anni di esperienza uno stipendio medio di circa 44.300 €
  • con 10-20 anni di esperienza guadagna in media 65.000 €
  • con più di 20 anni di esperienza una retribuzione media complessiva di 86.900 €

Diventare criminologa con il master di primo livello in Analisi del crimine, Security e Safety di Unicusano

Per chi desidera specializzarsi con un percorso post universitario professionalizzante, l’Università telematica Niccolò Cusano ha messo a disposizione degli studenti dell’Università di Chieti, un master di primo livello in Criminologia a Chieti.

Si tratta indubbiamente di uno dei percorsi più richiesti e innovativi della città di Chieti. Un master per studenti laureati alla triennale in campo giuridico, sociologico e psicologico. L’acceso è libero e consentito a tutti gli studenti, non solo ai laureati presso l’Università Niccolò Cusano.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali