informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Dove studiare all’aperto a Chieti e dintorni?

Commenti disabilitati su Dove studiare all’aperto a Chieti e dintorni? Studiare a Chieti

Non poteva mancare uno dei nostri articoli su dove studiare all’aperto a Chieti. In vista dell’estate cerchiamo sempre di fornire indicazioni utili agli studenti, per garantirgli una sessione d’esami con il minor impatto di stress possibile. Imbraccia i tuoi libri, e vieni a esplorare la città.

Dove studiare a Chieti

dintorni di chietiPartiamo dal presupposto che Chieti è ormai un’affermata città universitaria. Sono tantissimi gli studenti che scelgono di iscriversi ai corsi di laurea di una delle tante facoltà della città abruzzese. La dimensione raccolta e graziosa fa di questo centro un luogo perfetto dove trascorrere gli studi universitari, circondati da bellezza, arte e tranquillità.

Che tu sia un residente, un visitatore di passaggio, o uno studente della provincia avrai sicuramente voglia di vedere il meglio della città, e visto che si avvicinano le date degli esami, vorresti approfittare delle settimane di bel tempo per studiare all’aperto a Chieti. Perfetto, ci sembra davvero un’ottima idea. Abbiamo pensato a tutto. Come prima cosa vogliamo accompagnarti in un tour immaginario, in cui ti racconteremo quali sono secondo noi le cose da vedere a Chieti e quali location sono adatte allo studio outdoor.

Cosa vedere a Chieti e dove studiare

Uno degli aspetti che rende più affascinante la città è indubbiamente l’arte che si nasconde e si svela negli angoli del centro e dei dintorni di Chieti. Anche se la città abruzzese non è una delle mete più battute dai turisti, in realtà sa stupire, se solo ci si regala il tempo di conoscerla davvero. Inoltre è un’ottima base per muoversi alla scoperta del Parco della Majella. A proposito. Hai mai pensato a quanto potrebbe essere bello fare una full immersion nella natura e dedicarsi allo studio circondati dalla montagna e dal verde dei boschi? Pensaci, non è per niente male come idea. E se invece sei tipo da mare, eccoti accontentato comunque. Studiare all’aperto a Chieti, un una delle spiagge più belle dell’Abruzzo è un’esperienza rinvigorente. Ma veniamo al dunque, parliamo prima di tutto della città e dal suo centro storico.

Anfiteatro Roma e Templi Romani

Il centro storico, come accade per molti altri spazi urbani preservati dalla furia del tempo, è il cuore della cittadina. Da qui, tra stile e innovazione, si dipanano negozi, palazzi storici, chiese, tutti posti che meritano una visita. La prima tappa in assoluto, per turisti ed estimatori è l’Anfiteatro Romano. Questa struttura, risalente al I secolo d.C. è il protagonista dell’area archeologica chiamata Civitella. Ha una mirabile forma ellittica e rappresenta una bellissima testimonianza storica, anche se non resta molto dell’antico edificio.

Anche i Templi romani di Chieti appartengono alla storia, e risalgono al III secolo. Si tratta di tre tempi dedicati a Minerva, Giove e Giunone, le antiche divinità. In realtà si ritiene che il luogo fosse giù dedicato a culti precedenti, di conseguenza possiamo affermare che questo è il luogo di culto più antico di Chieti.

Certo, può apparire inusuale studiare a Chieti davanti alle rovine romane, nelle adiacenze di questi resti di una storia ormai così lontana, eppure sempre davvero una bella idea, immergersi in un’atmosfera senza tempo e al contempo nel programma di studio, cercando ispirazione nei fasti delle società ormai tramontate.

Villa comunale

La villa comunale di Chieti è anche sede del Museo Archeologico Nazionale, che racchiude la collezione di antichità e di reperti archeologici più importante dell’Abruzzo, in grado di raccontare la storia della regione fin dai primordi. I reperti appartengono al periodo protostorico e arrivano fino alla tarda età imperiale.

Oltre al museo archeologico la Villa si presta particolarmente bene ad essere utilizzata come location per gli studenti di Chieti, perché ospita un fresco e grazioso parco urbano di stile ottocentesco, lo stesso che caratterizza i giardini delle ville nobiliari delle famiglie Frigerj e Nolli. Raccontiamo un po’ della storia di questo scorcio chietino. Quando il parco di villa Frigerj veniva utilizzato in via sperimentale dall’Istituto Agrario venne aperto un viale: lo stradone di S. Andrea. Sul finire del XIX secolo venne adibito a parco pubblico, in seguito ad alcune modifiche. La zona venne suddivisa in diversi piazzali, collegati da vialetti, e dotata di un ampio e panoramico terrazzo, di un laghetto e di alcune fontane artistiche. Forse non tutti sanno che una di queste viene direttamente dalla Francia, difatti venne acquistata alla Fiera di Parigi del 1890. Il giardino ospita anche esemplari di piante rare ed esotiche, che possono allietare tutti gli amanti della botanica.

La parte più alta del parco è dominata dagli edifici. Abbiamo già parlato del Museo Nazionale Archeologico, ospitato nella villa neoclassica Frigerj, ma troviamo anche il Seminario Regionale all’interno di Villa Norri, e il complesso dell’Ospedale Militare, antico convento di Sant’Andrea. Anche quest’ultima struttura ha una lunga storia alle spalle. Venne fondato nel 1420 dall’Ordine Francescano degli Zoccolanti e riadattato ad edificio militare dopo l’editto emesso in epoca napoleonica. Nel corso del tempo è stato rimaneggiato e riadattato diverse volte, fino agli anni Sessanta del secolo scorso. Se studi all’Università di Chieti lo sai molto bene, qui si trova anche la Casa dello Studente, architettonicamente figlia dello stile razionalista, progettata nel 1936 da Giuseppe Barra Caracciolo.

Abbiamo dedicato ampio spazio alla Villa Comunale perché ci sembrava il perfetto esempio della commistione delle epoche e del sovrapporsi di natura e arte tra le cose da vedere a Chieti. Inoltre, sì, è soprattutto un luogo incantevole dove preparare gli esami universitari.

Piazza Gian Battista Vico

Continuiamo a parlare di arte e architettura e di posticini ideali dove studiare per l’università. Se ti piacciono le atmosfere non troppo affollate, posti appartati ma non troppo, potresti optare per la piazzetta Gian Battista Vico che si trova nelle vicinanze dell’edificio della Camera di Commercio, Industria e Artigianato, caratterizzato da uno stile eclettico, era noto anche come Palazzo dell’Economia Corporativa e fu realizzato su progetto di Camillo Guerra nel 1930.

Lo stile unisce le suggestioni tardo gotiche alla struttura dal tocco rinascimentale, incorniciata da un apparato decorativo tipica dell’epoca fascista.

A questo pregevole esempio di architettura si accompagna anche un’altra struttura, quella dell’Abbazia San Clemente a Casauria. Sempre sulla piazza si possono ammirare il palazzo Croce con il caratteristico portico al piano terra, e sui lati corti palazzo Fasoli e la Chiesa di San Domenico. Potresti passare qualche pomeriggio al tavolino di un bar, godendo della fresca ombra e del leggero via vai di passanti in uno degli scorci più caratteristici della città.

Dintorni di Chieti: studiare all’aperto fuori città

studiare all'aperto a chietiNon solo la città, anche fuori dal perimetro urbano ci sono posti in cui vale la pena soffermarsi e godere del clima, del paesaggio e delle bellezze abruzzesi. Anzi, ci verrebbe quasi da dire che è soprattutto fuori città che potresti trovare quello che cerchi. Nei dintorni di Chieti c’è l’imbarazzo della scelta, si possono accontentare proprio tutti i gusti. Se vuoi visitare una cittadina carina, ti suggeriamo Ortona, che con il suo castello a piccolo sul mare fa da apripista alla meravigliosa Costa dei Trabocchi, il tratto di costa della provincia di Chieti, che accoglie le spiagge più belle dell’Abruzzo. I trabocchi sono le antiche macchine da pesca, costruite su suggestive palafitte. È possibile ammirarle da Francavilla a Mare fino a Vasto, ed è anche possibile mangiare pesce in alcuni di queste antiche postazioni. Nell’interno, invece, segnaliamo Guardiagrele, Crecchio, Villa Santa Maria e Lanciano.

Credits foto in evidenza: BeWeb

Credits foto 1: commons.wikimedia.org

Credits foto 2: Depositphotos.com – katanca81

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali