informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Film sui cambiamenti climatici: ecco quelli da vedere

Commenti disabilitati su Film sui cambiamenti climatici: ecco quelli da vedere Studiare a Chieti

I film sui cambiamenti climatici appartengono a vari filoni cinematografici. Docufilm, fantascienza, film storici, ognuno di questi generi racconta una questione aperta da sempre, mai risolta, e oggi più che mai terribilmente e tragicamente attuale. Forse gli autori e i registi di alcuni di questi titoli non potevano neanche sospettare che l’emergenza climatica avrebbe raggiunto livelli così preoccupanti, tali da rendere alcuni di questi film molto più realistici di quanto avrebbero voluto.

La finzione hollywoodiana si mescola alla realtà, e siamo sempre più vicini a quella che sembra una distopia. Soltanto cinquant’anni fa eravamo terrorizzati dalla bomba atomica, dalle minacce di una guerra nucleare, oggi una bomba ad orologeria la sentiamo ticchettare costantemente nelle nostre orecchie, senza che nessun governo abbia volontariamente scelto dove piazzarla.

Film sul clima e l’emergenza ambientale

riscaldamento globaleNei prossimi decenni assisteremo a un declino ancora più grave e urgente, non sarà così lento e inesorabile, con estrema probabilità è già in atto e non ce ne stiamo rendendo del tutto conto. Il riscaldamento globale sta innalzando le temperature, sciogliendo i ghiacciai, modificando gli ecosistemi, scatenando incendi, ti sfidiamo ad ammettere di non aver percepito almeno una delle conseguenze relative a questi piccoli e grandi eventi, che ormai sono all’ordine del giorno.

La vita che conduciamo non ci appare come un’apocalisse, riusciamo ancora a godere di molte esperienze, ma è sotto gli occhi di tutti che qualcosa di importante sta accadendo.

I film catastrofici fanno accadere di tutto in una manciata di minuti, e anche se è merito di un artificio cinematografico quello che vediamo sullo schermo non è poi così diverso da quello che sta accadendo sulla superficie terrestre.

Anzi, sullo schermo assistiamo a storie d’amore eccezionali, ad atti di vero eroismo, a un tripudio di nobili sentimenti, ma nella realtà non godiamo di questi sprazzi poetici, il disastro in atto è molto meno accattivante e affascinante. Eppure i film ci possono insegnare tanto, e aiutare a comprendere con una profondità non scontata qual è l’immaginario, la tendenza e la percezione che la cultura mainstream ha intessuto intorno a questo tema, anche per capire meglio quali spinte reattive manifesta o potrà manifestare.

Film catastrofici: quali vedere

Osservare come nel tempo sono cambiati i film sui cambiamenti climatici ci aiuta a capire come nel tempo si è evoluta la percezione del problema, un’analisi utile per sapere quanto siamo davvero consapevoli di quello che il pianeta sta attraversando, delle cause, delle conseguenze. Per questo abbiamo scelto di fare una lista di titoli da vedere e su cui riflettere. Dai film distopici più recenti a quelli più datati, tutti offrono un punto di vista interessante e stimolante.

A.I. – Intelligenza artificiale di Steven Spielberg

Forse sarebbe più corretto dire che il film è opera di Stanley Kubrick, ma la scomparsa del grande regista ha costretto un passaggio di testimone. Il film è uscito grazie a Spielberg, che realizza una storia basata su un archetipo classico, una sorta di Pinocchio avanguardistico, le cui vicende innescano riflessioni di ampissima portata su coscienza, intelligenza, umanità, e tanti altri concetti che non possono restare silenti quando si tocca l’argomento dell’intelligenza robotica, di una possibile coscienza creata dall’uomo ma impiantata in un essere che forse uomo non è.

L’espediente di partenza, la scintilla che attiva la narrazione è una catastrofe climatica, un cambiamento nelle condizioni metereologiche che implica l’innalzamento del livello dei mari, la scomparsa dell’uomo nelle zone costiere, e la conseguente creazione di robot.

Re della terra selvaggia

Cambiamo ambientazione, genere, atmosfere e mood. Questo film struggente, delicato e poetico è forse uno dei meglio riusciti, uno dei più bei film sui cambiamenti climatici in atto. Anche questo film pone l’accento sulla crisi che sta già coinvolgendo gli abitanti insediati sulle coste del pianeta. Nei prossimi anni queste zone saranno travolte dagli effetti devastanti della crisi climatica.

Il film è distopico, ma non fantascientifico. Lo scenario è popolato da una megafauna di bisonti, mentre il ruolo della straordinaria protagonista è cruciale, e conta molto di più dello sfondo.

Geostorm

Il titolo dovrebbe già aiutarci a capire di cosa stiamo parlando. Geostorm è un film sul riscaldamento globale, e questo è un punto a suo favore. Ma alla critica questo non è bastato, a molti non è piaciuto, e anche tra il pubblico ha incontrato sostenitori e detrattori, entrambi agguerriti allo stesso modo. Spettacolare ma banale, catastrofico al punto giusto ma eccessivo, insomma, può piacere o non piacere. Sta di fatto che Geostorm è un interessante esempio di film fantapolitico, che riesce in un modo o nell’altro a costruire abbastanza la suspense.

Racconta di uno scontro ideologico in un mondo sconfitto, dove il clima viene controllato dallo spazio da un sistema di leve e pulegge, un sistema che diventa obbiettivo ideologico, politico e militare, com’è normale che sia quando ci si trova nei guai e c’è qualcosa di grosso che può sovvertire l’andamento negativo degli eventi.

Mad Max: Fury Road

In un mondo post-apocalittico, precisamente in Australia, vive Max, un uomo che ha vissuto una vita non proprio semplice e felice a causa del collasso globale che gli ha portato via la famiglia. Vaga per il deserto, giustamente triste e consolato, quando viene rapito da guerrieri comandati da un losco signore della guerra in possesso di ingenti e preziose quantità d’acqua. Il resto non si può scrivere per non spoilerare, ma avrai capito che è sicuramente al centro di questa storia c’è l’inquinamento, le devastazioni climatiche e un alto tasso di tensione.

Snowpiercer

crisi climaticaUn’era glaciale causata dal declino delle condizioni atmosferiche dovuto al comportamento sconsiderato dell’uomo obbliga i superstiti della specie umana a salire a bordo di un treno che si sposta sulla terra all’infinito per generare l’energia necessaria a continuare a muoversi. Dentro il treno gli uomini sono divisi per classi, i poveri nelle carrozze posteriori – in condizioni poco dignitose – mentre i ricchi nelle carrozze anteriori. La convivenza non è facile, la guerra tra le fazioni è vicina.
Come per Geostorm, il cambiamento climatico è un pretesto, un espediente che serve per raccontare una trama originale ma assurda. Ecco cosa hanno detto i critici su questo film: il più costoso film mai prodotto in corea: un cinema profetico che lascerà il segno.

Soylent green

Parlando di film sul clima abbiamo citato soltanto titoli recenti, ma non commettere l’errore di credere che i film sui cambiamenti climatici appartengano soltanto alle produzioni degli ultimi anni.

No, non è così. Ecco perché abbiamo inserito questo titolo in lista. 2022 – I sopravvissuti, titolo italiano del film Soylent Green è del 1973, ed è stato uno dei primi film a scuotere il pubblico, suscitando una presa di coscienza sui danni che l’ambiente subisce a causa dell’intervento umano.

Il film è ambientato nel 2022 su un pianeta devastato dalla sovrappopolazione e dall’inquinamento atmosferico. Il clima si fa sempre più caldo e insostenibile. A New York vivono stipati circa 40 milioni di persone, in una perenne estate. La trama non è particolarmente armoniosa, ma il film rende soprattutto per l’atmosfera distopica e disperata, all’insegna di un pessimismo ecologico non troppo distante da noi.

The arrival

Crisi globali e cambiamenti climatici sono strettamente connessi. I complottisti ci vanno a nozze con questi connubi, ma nonostante certe derive siano ridicole non c’è molto da scherzare quando il riscaldamento globale mette in pericolo l’accesso alle risorse. The arrival è del 1996, anno in cui certe tematiche non erano ancora all’ordine del giorno. C’è il riscaldamento globale, ma non sono gli esseri umani ad essere colpevoli, bensì gli alieni, che hanno come obiettivo finale la sostituzione etnica della razza umana.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – didart

Credits foto 1: Depositphotos.com – goinyk

Credits foto 2: Depositphotos.com – jjayo

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali