informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Legislazione alimentare: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Legislazione alimentare: quello che devi sapere Studiare a Chieti

La legislazione alimentare italiana si è da tempo uniformata con quella dell’Unione Europea. In materia di sicurezza nella produzione e nel trasporto degli alimenti le leggi sono cambiate nel corso del tempo e la Giurisprudenza ha dovuto adeguarsi ai cambiamenti, apportati dall’apertura dei mercati e dallo sviluppo della tecnologia. Vediamo nel dettaglio quali sono stati i principali passaggi.

Legislazione alimentare: gli ultimi decenni

igiene alimenti normativaCome abbiamo sottolineato nell’introduzione anche l’Italia ha dovuto adeguarsi alle linee guida europee. Una data su tutte segna questo passaggio: 1° gennaio 2006, momento in cui entrano in vigore nel nostro paese i Regolamenti attuativi previsti dalla Comunità Europea nel regolamento 178/2002 denominato “Principi e requisiti generali della legislazione alimentare”. Uno dei punti chiave di questo documento riguarda in particolare l’igiene alimentare.

All’interno delle pagine del Regolamento ampio spazio è dedicato a tutte le procedure che riguardano gli aspetti igienico-sanitari della filiera alimentare:

  • produzione
  • lavorazione
  • confezionamento
  • distribuzione
  • deposito
  • vendita
  • somministrazione

Vi è una differenza tra il vecchio e il nuovo regolamento, in quanto per la prima volta viene inclusa anche la produzione primaria, quella che riguarda l’ambiente agricolo o di allevamento. Nello specifico analizziamo nel prossimo paragrafo cosa si intende per produzione primaria e quali sono i settori interessati.

Legislazione alimentare nella produzione primaria

Le direttive europee hanno fin da subito messo l’attenzione sull’importanza dei controlli in ogni fase, per garantire la qualità e la salubrità di qualsiasi cibo di origine animale o vegetale.

Quando il regolamento attuativo fa riferimento alla produzione primaria intende la coltivazione, o più genericamente la produzione, delle materie prime e tutte le fasi inerenti ad esse, come:

  • Raccolto
  • Mungitura
  • Caccia
  • Pesca
  • Macellazione
  • Raccolta di prodotti selvatici

Si tratta di un documento corposo e fondamentale, perché per la prima volta tutte le questioni che ruotano intorno al cibo godono tutte della medesima attenzione. Le pagine del regolamento sono suddivise per argomenti, che vertono sui diversi aspetti, ad esempio:

  • requisiti generali e specifici in materia di igiene
  • analisi dei pericoli e dei punti critici di controllo e conferma del sistema HACCP come strumento di analisi e controllo delle condizioni di igiene e sicurezza delle produzioni alimentari
  • la promozione dell’elaborazione e la divulgazione di manuali di buona prassi igienica comunitari e nazionali (Manuali GHP)
  • la consultazione per un parere dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare, nel caso l’applicazione del Regolamento abbia impatto significativo sulla salute pubblica.

Una materia complessa e di vitale importanza per lo stato di salute di uno dei settori trainanti dell’Economia italiana: il cibo.

Applicazione della normativa alimentare

La parte relativa agli allegati racchiude le indicazioni da seguire per applicare a dovere la norma. Attenzione, non sono semplici indicazioni, ma norme che sono intese come obbligatorie. In particolar modo emerge la necessità e la rilevanza della formazione degli OSA: Operatori del settore alimentare.

Già precedentemente, fin dal 1987, l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva fornito un report tecnico in cui sottolineava l’importanza di una idonea preparazione di Operatori, specializzati a seconda delle aree regionali di appartenenza. Con il passare dei decenni le Regioni hanno scelto di adeguarsi, disponendo la sostituzione dell’idoneità sanitaria con appositi corsi definiti con modalità autonome e specifiche a seconda del territorio.

Dal 2004 è in vigore la Direttiva 41, che ha cancellato definitivamente quelle precedenti sostituendo le indicazioni valide fino ad allora nei singoli settori produttivi. II Decreto del 2007 ha recepito questa direttiva e ha fatto finalmente ordine nella disciplina nazionale.

Autocontrollo e sistema HACCP

Uno dei capitoli più importanti quando si parla di legislazione alimentare riguarda l’HACCP con cui si intende il sistema di applicazione dell’autocontrollo nella filiera alimentare, in modo organizzato.

L’autocontrollo e il sistema HACCP non sono la stessa cosa. Con il primo termine si intende la responsabilità che si assume l’Operatore del settore alimentare quando opera nell’ambito dell’igiene e della sicurezza alimentare. Ognuno ha l’obbligo di vigilare sulla propria parte di lavoro, sugli strumenti, le procedure e le materie riguardanti la produzione di alimenti.

Tale obbligo è esteso a tutti, a qualsiasi livello della filiera. Mentre l’HACCP è obbligatorio solo per gli Operatori del settore alimentare post primari. L’applicazione dell’HACCP è utile agli OSA per raggiungere standard qualitativi e di sicurezza maggiormente elevati.

Ci sono dei precisi principi su cui viene elaborato il sistema HACCP:

  1. Identificare ogni pericolo da prevenire, eliminare o ridurre
  2. Identificare i punti critici di controllo (CCP – Critical Control Points) nelle fasi in cui è possibile prevenire, eliminare o ridurre un rischio
  3. Stabilire, per questi punti critici di controllo, i limiti critici che differenziano l’accettabilità dalla inaccettabilità
  4. Stabilire e applicare procedure di sorveglianza efficaci nei punti critici di controllo
  5. Stabilire azioni correttive se un punto critico non risulta sotto controllo (superamento dei limiti critici stabiliti)
  6. Stabilire le procedure da applicare regolarmente per verificare l’effettivo funzionamento delle misure adottate
  7. Predisporre documenti e registrazioni adeguati alla natura e alle dimensioni dell’impresa alimentare.

Sette principi che riguardano la regolamentazione alimentare, non solo un’indicazione del diritto alimentare ma un impegno nei confronti del buon senso e della valorizzazione di un cibo buono e sano. Se vuoi lavorare in questo settore, se vuoi aggiornarti e avere tutti i requisiti per entrare nella filiera produttiva da professionista accreditato puoi seguire il Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale in Consulente per le aziende alimentari e metodo HACCP dell’Università degli Studi Niccolò Cusano. Un’opportunità di crescita e una proposta di qualità, come il cibo che vuoi servire sul tuo piatto.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali