informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Medicina legale: cos’è e ambiti di applicazione

Commenti disabilitati su Medicina legale: cos’è e ambiti di applicazione Studiare a Chieti

La medicina legale affascina. Sarà capitato a tutti di seguire con un certo batticuore una serie tv o un film in cui la figura del medico legale entra in scena e grazie alle sue abilità, al suo senso di responsabilità e anche al suo intuito riesce a risolvere casi fino a prima della sua comparsa rimasti insoluti. Ma cosa fa il medico legale? Di cosa si occupa e qual è il suo percorso formativo? Cerchiamo di rispondere a queste domande.

Medicina legale: cos’è?

medico legaleLa medicina legale rientra in tutti quei contenziosi in materia di responsabilità medico-sanitaria e civile. La disciplina è caratterizzata da conoscenze mediche finalizzate alla valutazione pratica di situazioni biologiche di interesse giuridico. Può essere considerata una disciplina madre, da cui si diramano diverse branche specialistiche, ad esempio: tossicologia forense, criminologia, deontologia medica, bioetica clinica.

Il medico legale, più in generale, è un professionista della salute che si occupa del rapporto tra gli aspetti psico-fisici dell’individuo e l’ordinamento giuridico-sociale o, in termini più ampi, tra la realtà antropo-biologica e il diritto.

 

Diventare Specialista Medico-Legale

Il medico legale è il professionista laureato in medicina e chirurgia (sei anni di corso), che ha frequentato una scuola di specializzazione in medicina legale (cinque anni di corso). Come noterai si tratta di una carriera accademica lunga, che ci restituisce l’idea di quanto sia delicata e complessa la materia e di quanto sia un mestiere complesso. Il diploma di specializzazione non è comparabile ad altri corsi di perfezionamento o formazione, inclusi i master universitari. Solo la scuola offre l’acquisizione e il conseguimento del titolo di Specialista Medico-Legale.

Per questioni di sicurezza sanitaria e di responsabilità professionale l’affidamento delle consulenze tecniche nei procedimenti civili e penali che riguardano casistiche inerenti la responsabilità sanitaria può essere dato soltanto a un medico specializzato in medicina legale, insieme a eventuali specialisti in aree interessate nello specifico.

Cosa fa il Medico legale

Il corso di specializzazione prepara i futuri medici legali. Lo studio si concentra sulle nozioni necessarie per assolvere le esigenze di tipo medico-legale del Sistema Sanitario Nazionale, delle organizzazioni di previdenza sia pubbliche che private, dell’amministrazione giudiziaria e penitenziaria, degli enti pubblici, delle compagnie di assicurazione ma anche dei singoli cittadini.

Le attività che svolge il medico specializzato in medicina legale sono connesse all’accertamento e alla valutazione dei diritti. Valutazioni svolte grazie alle conoscenze biologiche e scientifiche nel campo della medicina di cui dispone. Tra i principali ambiti di applicazione troviamo:

  • Assicurazioni private (vita e danni alle persone)
  • Infortunistica stradale
  • Responsabilità sanitaria (malasanità ed errori medici)
  • Erogazioni economiche e di servizio previste da sistemi di assistenza, previdenza e sicurezza sociale

Medico legale e malasanità

Anche se il primo pensiero che nasce quando si parla di questa area disciplinare vola al medico che interviene per sancire la verità rispetto a casi di efferati omicidi in realtà stiamo parlando di una professione ben più complessa e variegata. Prendiamo ad esempio uno di questi punti, forse uno di quelli in cui viene impiegato con maggiore frequenza un consulto di medicina legale: la malasanità.

In ambito di responsabilità medica il supporto del medico legale è indispensabile per sciogliere i casi di cosiddetta malasanità, sia in sede civile che penale. Le vere e proprie denunce per malasanità non sono numerose, questo perché questo genere di intervento è connesso a questioni relative ai profili della colpa e al nesso eziologico, e inoltre le tempistiche dell’azione penale in cui rientra sono lunghe.

Generalmente le vicende di malasanità vengono diramate dal punto di vista civile, rivendicando il risarcimento dei danni per il paziente o i congiunti (in caso di decesso). Nei casi di malasanità l’Avvocato specializzato in responsabilità sanitaria costituisce un collegio tecnico, composto dal medico legale, medici specialisti nelle discipline di riferimento e altre figure utili a istruire adeguatamente il caso. Di solito sono riservati alla dialettica Avvocato, Medico Legale e Medico.

Medicina Legale e professioni sanitarie: possibili percorsi

Dal momento che la carriera per diventare medico legale è piuttosto tortuosa e lunga è possibile scegliere altre strade. La formazione universitaria e post universitaria nelle professioni sanitarie e nella loro gestione può inserire il futuro professionista in ambiti di eguale interesse.

Ad esempio, il Master in Gestione del coordinamento delle professioni sanitarie permette di sviluppare:

  • Competenze di economia sanitaria e di organizzazione aziendale utili all’organizzazione dei servizi e alla gestione delle risorse umane e tecnologiche
  • metodi e gli strumenti della ricerca nell’area dell’organizzazione dei servizi sanitari
  • capacità di comunicazione su problematiche sia di tipo organizzativo che interpersonale con gli altri operatori sanitari e con l’utenza
  • conoscenze critiche degli aspetti normativi, etici, deontologici e della responsabilità nelle professioni dell’area sanitaria

Il master ha durata annuale e viene svolto in modalità didattica telematica. A termine del percorso è previsto un esame che attesta e certifica il conseguimento degli obiettivi proposti. Agli studenti possono svolgere un tirocinio presso un’Azienda Ospedaliera.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – Elnur_

Credits foto 1: Depositphotos.com – Lenets_Tatsiana

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali