informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Punteggiatura: ecco come renderla impeccabile nella tua tesi di laurea

Commenti disabilitati su Punteggiatura: ecco come renderla impeccabile nella tua tesi di laurea Studiare a Chieti

Questa sconosciuta! La punteggiatura della tesi di laurea è sicuramente un aspetto spesso lasciato in disparte, ed è un gran peccato per i futuri laureandi, per chi leggerà la tesi e per la lingua italiana in generale. Senza fare inutili polemiche, è incredibile che in Italia tutti sostengano di aver un libro pronto da pubblicare nel cassetto ma nessuno legge e, soprattutto, molti non sanno neanche scrivere bene. Al di là delle velleità degli aspiranti romanzieri in questo articolo ci concentreremo su coloro che si trovano ad affrontare la scrittura della tesi. Perché, anche se non aspirano a pubblicare un romanzo, dal testo che produrranno dipende le sorti del loro voto di laurea. Parleremo soprattutto di punteggiatura. Iniziamo.

Tesi di laurea: dalla prima stesura alla revisione

revisione della tesiPrima di scrivere la tesi è bene avere già sulle spalle un allenamento alla scrittura. Di solito è così, perché durante i vari esami universitari vengono richieste prove scritte, tesine come esoneri di parte dell’esame e altri contributi testuali da redigere individualmente o in gruppo.

Per scrivere bene la tesi bisogna aver scritto e riscritto molte volte. La prima stesura del testo della tesi è la bozza dal quale partire, che potrai costantemente rimaneggiare, riverificare, e correggere all’occorrenza. La prima stesura può ammettere degli errori, perché bisogna sempre prevedere una fase di revisione della tesi.

Tra gli errori più comuni che ci capita di scorgere nelle tesi degli studenti che incontriamo ci sono quelli relativi alla punteggiatura. Di solito non ci rendiamo conto di quanto sia importante. Vediamo questi segni grafici tra parole, vagamente ne ricordiamo il senso e la funzionalità, fatta eccezione per l’onnipresente punto e la virgola (anche se rispetto a quest’ultima si vedono molti errori clamorosi). Per aiutarti ad usare una punteggiatura impeccabile ti suggeriamo come procedere alla scrittura della tesi usando correttamente tutti gli elementi di questo aspetto della grammatica italiana.

Punteggiatura tesi di laurea: ripasso generale

Il linguaggio contemporaneo, contratto e stringato dalla comunicazione istantanea tramite dispositivi digitali è sempre più condensato. La sua essenzialità si traduce a volte in una perdita di elementi, alcuni molto importanti. In questo articolo stiamo parlando di punteggiatura, e lo stiamo facendo soprattutto riferendoci ad essa all’interno di un processo di scrittura di grande importanza: la tesi.

I segni di interpunzione hanno due funzioni principali: didattica ed espressiva. Quest’ultima è quella che maggiormente conosciamo, della quale facciamo esperienza praticamente sempre e quotidianamente. Pensa ai punti di sospensione, ai punti esclamativi e ad altri abusi contemporanei di segni di punteggiatura inseriti a casaccio. A volte possono essere efficaci, per ravvivare una comunicazione, per essere maggiormente incisivi, ma molto spesso chi li utilizza non ne conosce la misura e le regole di utilizzo. Passi all’interno di una chat WhatsApp, per per la scrittura della tesi di laurea sarebbe inammissibile.

Nella tesi non dovrebbero comparire segni di interpunzione volti a esprimere emozioni, non usiamo in questo contesto la punteggiatura come segno emotivo. Ma possiamo comunque farne buon uso. Nel prossimo paragrafo ti aiutiamo a conoscere le regole basilari della lingua italiana rispetto alla punteggiatura, indicandoti quelle principali al fine di offrire una panoramica esaustiva da tenere a mente mentre devi scrivere la tesi.

scrivere bene la tesiPunteggiatura e ortografia: le regole base

Nell’elenco qui sotto indichiamo i vati segni di interpunzione e il loro utilizzo. Troverai regole semplicissime di cui probabilmente sei già a conoscenze e regole di cui non sapevi l’esistenza, o che hai dimenticato (come la differenza tra accento grave e acuto). Fanne buon uso per la tua tesi di laurea. Un’ortografia ben curata è un trampolino di lancio per un voto di laurea più alto.

 

Punto: il punto è uno dei principali segni di interpunzione. Senza di esso non esisterebbe la frase come unità. Scandisce l’inizio e la fine. Si utilizza per andare a capo e subito dopo di esso la parola che lo segue dev’essere scritta con la lettera maiuscola. Non si usa negli elenchi puntati (raccomandazione che non tutti hanno ben presente), né nei titoli di capitoli e/o paragrafi.

Virgola: La frase, o periodo, è delimitata dal punto. All’interno del periodo si può utilizzare un altro segno grafico, la virgola, per creare altre pause. Non si usa assolutamente tra soggetto e verbo (prova per renderti conto di quanto “suona male”), mentre si devono inserire tra virgole le congiunzioni (è una buona norma, ma non viene utilizzata sempre).

Due punti: è un avvertimento. Si dice al lettore: c’è qualcosa di importante (ecco, abbiamo appena dato esempio pratico del suo utilizzo). Questa tipologia di punteggiatura per la tesi viene utilizzata soprattutto dove si debba inserire una lista numerata, oppure un elenco di cose. Vengono utilizzati i due punti per introdurre il discorso diretto, seguito da virgolette.

Punto e virgola: Sai che si dice che stia scomparendo? Ed è un vero peccato, perché il punto e virgola ha una valenza notevole. Trovarlo nel testo della tesi spesso fa pensare di avere di fronte uno studente o studentessa che ha ottima dimestichezza con le regole della scrittura, e questo suscita sicura ammirazione e soddisfazione. Più breve di un punto e più lungo di una virgola, il suo uso tradizionale prevede di inserirlo per dividere le parti di un elenco maggiore di tre elementi, ma non è l’unico uso che se ne fa.

Puntini di sospensione: i famigerati puntini di sospensione, amici di tutti gli amanti del Buongiornissimo Cafèèè!?!11!!1?1 Speriamo proprio che tu che stai leggendo sia al corrente del fatto che i puntini di sospensione da utilizzare devono essere tre e soltanto tre, sempre! Servono per suscitare un senso di indeterminatezza. Non compaiono spesso nelle tesi di laurea, ma possono essere frequenti nelle trascrizioni delle interviste.

Punto esclamativo: enfatico, d’impatto, forte, il punto esclamativo esprime sorpresa e cattura l’attenzione di chi legge. Ma in un tipo di scrittura accademica, all’interno di un saggio o un articolo è difficile imbattersi in questo segno grafico, che invece è frequente nella scrittura pubblicitaria.

Virgolette: si usano sempre in coppia, ed è un classico segno topografico utilizzato per distinguere citazioni di altri testi o estratti di un dialogo. All’interno delle regole su come scrivere la tesi spesso compaiono indicazioni utili su come inserirle, con le varie differenza tra virgolette, caporali e altre tipologie frequenti.

Accenti: si deve distinguere tra accento grave e accento acuto. Il grave indica il suono aperto delle vocali o largo, mentre l’acuto il contrario: suono chiuso o stretto. La mancanza di accenti viene notata soprattutto nei casi in cui questo sia presente di regola. Ma la maggior parte delle parole italiane non viene accentata.

Apostrofo: se la parola termina per vocale non accentata e la parola successiva inizia anch’essa con una vocale si può procedere a eliminare la vocale terminante della prima parola. Accade di frequente con gli articoli (ad esempio: l’amica e non la amica). Si usa anche per il troncamento di alcune parole, come po’ per indicare poco.

Ecco qui, gli abbiamo fatto una panoramica delle regole di scrittura soprattutto riguardanti la punteggiatura della tesi, speriamo che la tua esperienza di elaborazione del testo finale sia ricca di entusiasmo e di soddisfazione. Terminare il proprio percorso di studi coronandolo con una tesi ben scritta, che renda merito alle tue competenze, è sicuramente il modo più bello per concludere in bellezza. E 110 e lode sia! Te lo diciamo con il punto esclamativo.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali