informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studio e concentrazione: ecco quanta acqua bere ogni giorno

Commenti disabilitati su Studio e concentrazione: ecco quanta acqua bere ogni giorno Studiare a Chieti

Ci sono molti studi che indicano chiaramente quanta acqua bere ogni giorno. È utile saperlo per scoprire ancora una volta come l’acqua sia fonte di benessere ma allo stesso tempo per non cadere nell’errore di bere troppa acqua sovraccaricando i reni e affaticandoli. Sono moltissime le ragioni per cui l’idratazione si rivela un processo fondamentale, capacità di memorizzazione e concentrazione possono essere sensibilmente modificate dalla quantità di liquidi assunti. È ormai risaputo che bere poco acqua aumenta le capacità di memorizzazione, ma andiamo nel dettaglio.

Acqua da bere: aiuta il funzionamento cognitivo

bambino che beve acquaNon importa se la sessione di esami sta per volgere al termine. L’idratazione è importante sempre, anche e soprattutto d’estate. Come abbiamo detto in precedenza è consigliabile per la concentrazione e la memoria assumere una buona quantità di liquidi, soprattutto per la memoria olfattiva e la concentrazione visiva.

Recenti studi hanno dimostrato che la cattiva idratazione intacca le performance e i risultati ottenuti dagli studenti durante il percorso. Come spiega Alessandro Sanasi, docente dell’Università di Bologna:

E’ risaputo che l’acqua è la principale componente del corpo umano e che mantenere una corretta idratazione è fondamentale per garantire il funzionamento fisico e cognitivo ottimale del nostro organismo

Non sempre però l’apporto di acqua è sufficiente a bilanciarne le naturali perdite, con il rischio di compromettere alcune funzioni fisiologiche e il benessere generale. Questa tesi è ancor più valida nei bambini e nei ragazzi, più esposti al rischio di disidratazione a causa di un metabolismo energetico più elevato di quello degli adulti, di un differente sistema di regolazione della temperatura corporea, soprattutto se praticano sport, e della cattiva abitudine a non bere abbastanza”.

Gli studi che confermano quanta acqua bere e perchè

Gli studi sugli effetti benefici dell’acqua su tutto l’organismo e di conseguenza anche sul cervello dimostrano che in molte scuole di diversi Paesi gli studenti non bevono a sufficienza e non sono sufficientemente idratati. In alcune regioni i dati sono particolarmente allarmanti, perché mostrano che già dal mattino i bambini hanno gradi di osmosità urinaria, ovvero di concentrazione di sostanze disciolte nelle urine che sancisce il livello di idratazione, molto elevati, superiori a quelli considerati nella media.

Questa cattiva abitudine che incide negativamente sulle performance mentali degli studenti è condivida in tutto il mondo e gli studi si moltiplicano in diversi contenenti con gli stessi risultati, dall’America a Israele. La disidratazione degli studenti spesso dipende dal fatto che non bevono prima di andare a scuola né durante. Abituarsi fin da bambini ad assumere la corretta quantità di acqua è importante per crescere studenti capaci di affrontare con il giusto livello di benessere il proprio percorso e la propria vita. I genitori potrebbero abituarsi ad offrire acqua al bambino anche questo non manifesta la sete, e a mettere sempre una borraccia piena di acqua fresca nello zainetto del bambino.

Veniamo alle quantità: quanta acqua bere?

Non stiamo parlando di un’esigenza dell’infanzia, e non stiamo dicendo che l’acqua serve soltanto alla memoria e alla concentrazione. Bere tanta acqua è importante per tutti e per tutto. Ma veniamo al tema preciso di questo contributo: quanta acqua bere ogni giorno? La quantità varia in base all’età, al sesso, alla temperatura esterna e al grado di attività fisica. Ma non si dovrebbe mai bere meno di un litro d’acqua al giorno.

Le conseguenze del bere poca acqua sono più serie di quanti si creda: insonnia, fatica, debolezza, bocca secca, dolore alla testa, giramenti di testa, sono i primi sintomi di disidratazione. Ma sia bambini che adulti possono percepire un cambiamento nelle prestazioni intellettive, come la mancanza di concentrazione, l’indebolimento della memoria a breve termine e di altre funzioni cognitive. Gli studenti sono i primi ad accusare le conseguenze di un’idratazione non corretta.

Altre ricerche hanno dimostrato che maggiori quantità di acqua assunta prima di uno sforzo cognitivo hanno effetti positivi sull’attenzione, soprattutto su quella visiva, aspetto su cui si concentravano gli obiettivi della ricerca. Bere dai 45 ai 20 minuti prima di studiare o fare un esame è un ottimo modo per avere l’energia mentale giusta e la grinta per affrontare l’impegno mentale.

Una scarsa idratazione incida proprio sulla materia grigia, impedendo la fluidità del ragionamento. La disidratazione, soprattutto quando avviene in contemporanea a una sudorazione costante, che implica un’ulteriore perdita di liquidi può letteralmente mandare in tilt il cervello.

Bere tanta acqua è la cosa che puoi fare per la tua salute e per il tuo benessere psicofisico. Ricorda che sei uno studente non sei un robot, hai bisogno di nutrirti e idratarti per poter rendere il massimo nella vita, negli esami come nelle altre sfide quotidiane. Una bella borraccia termina, pronta a tenere in fresco litri di acqua durante la stagione calda è il regalo perfetto che puoi concederti per festeggiare gli ottimi risultati raggiunti all’Università.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali