informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scrivere una mail formale: ecco come fare

Commenti disabilitati su Scrivere una mail formale: ecco come fare Studiare a Chieti

Usa a tuo favore i vantaggi del digitale, scrivere una mail formale è un procedimento che deve seguire determinate regole, pressappoco identiche a quelle utilizzate per il formato cartaceo.

Saper impostare una lettera efficace in formato elettronico è un’abilità molto utile, soprattutto per la ricerca di lavoro on line o per mantenersi in contatto con la rete di conoscenze in ambito lavorativo o di studio.

Email per lavoro o studio: l’indirizzo giusto

Procediamo per gradi. La prima cosa da fare quando ci si accinge a redigere una mail dal tono formale è utilizzare un indirizzo mail serio e professionale. Gli indirizzi di posta elettronica troppo confidenziali o addirittura eccessivamente buffi da sfiorare il ridicolo sono assolutamente da evitare. Molto probabilmente la mail non verrà neanche aperta, oppure correrai il rischio di essere preso per una persona poco seria. Se ancora non hai un indirizzo mail formale è arrivato il momento di crearne uno. Utilizza il tuo nome e cognome, o varie declinazioni dei due, insieme all’anno di nascita se risulta essere già occupato. Ecco i vantaggi che puoi trarre da questo passaggio:

  • Immediata riconoscibilità
  • Semplicità di memorizzazione
  • Identità professionale

Lettere formali e sgrammaticate. L’ortografia salverà il mondo.

Il secondo elemento rilevante è l’oggetto, che insieme all’indirizzo è la parte visibile prima ancora dell’apertura completa della mail. La fretta è cattiva consigliera, per cui riserva grande attenzione agli errori di battitura in questa fase e d’ora in poi fino alla fine della stesura. L’oggetto di una mail commerciale o comunque di una qualsiasi mail che aspira ad un tono di formalità dev’essere:

  • Pertinente
  • Accattivante
  • Corretto
  • Sintetico

Per catturare l’attenzione niente colpi di genio ironici, piuttosto una semplice dicitura che richiami la destinazione d’uso della mail “Richiesta informazioni esame di storia” oppure “Autocandidatura per la posizione di ingegnere elettronico”. Molti sottovalutano l’importanza dell’oggetto e addirittura inviano mail “Senza oggetto” che risultano inefficaci in quanto non stimolano la curiosità del ricevente, semmai abbassano la credibilità della missiva che il più delle volte viene cestinata.

Allocutivi di cortesia e formule di saluto

esempio mail commerciale formalePer avviare una lettera elettronica formale ci si deve avvalere delle buone conoscenze in lingua italiana, come già detto nel paragrafo precedente. Spesso non si conosce il nome del responsabile delle risorse umane che riceve la lettera, pertanto occorre utilizzare formule più generali, come “All’attenzione del responsabile dell’ufficio HR”. Per aumentare le possibilità di lettura è sempre meglio indirizzare la comunicazione ad una persona ben precisa, scrivendo in alto a sinistra “Alla cortese attenzione del dott. (o dott.ssa) Emilio Rossi”. Non dovrebbe essere necessario ribadire che le formule confidenziali, come il Tu, non sono assolutamente adatte. Invece è sempre una buona abitudine utilizzare un aggettivo di circostanza, come:

  • Egregio/a
  • Gentile
  • Caro/a o Carissimo/a

Queste tre possibilità sono in ordine decrescente di formalità, “Caro/a” viene utilizzato quando si è già in relazione più o meno confidenziale, meglio evitarlo al primo contatto o nelle mail di richiesta lavoro e autocandidatura. A queste segue l’appellativo che contraddistingue la professione: avvocato, professore, dottore, etc. Gli avvocati, come gli ingegneri e altri, possono essere anche definiti dottori, poiché hanno raggiunto il grado della laurea. Inoltre dovresti ricordare che quando devi scrivere una mail formale devi utilizzare sia il nome che il cognome della persona che dovrà riceverla, rivolgersi soltanto con il nome non è consigliabile.

Il sempre più utilizzato “Buongiorno”, o il “Buonasera” sono adatti alle mail che probabilmente verranno lette da un gruppo di persone, ma valuta bene quale utilizzare per non risultare fuori luogo. Se invii la mail di giorno ma prevedi che sarà letta di notte prova con il generico “Salve” tenendo in considerazione il fatto che si tratta comunque di una formula non troppo cortese. Dopo questo elemento si entra nel corpo della mail, ovviamente dopo aver apposto la dovuta virgola.

La cortese disattenzione, il tuo peggior nemico

Dopo le formule di rito, per scrivere una lettera formale commerciale o di lavoro bisogna avere prima di tutto qualcosa da dire. Quando il messaggio è chiaro anche la scrittura ne beneficia. In questa fase massima concentrazione, ogni errore può rivelarsi fatale e mandare all’aria le migliori intenzioni. Le prime righe vanno dedicate alla presentazione sintetica di chi scrive, che può dire in poche frasi chi è e per quale motivo sta scrivendo. Per scrivere una buona presentazione è necessario:

  • Essere brevi
  • Spiegare chiaramente
  • Usare una buona punteggiatura

Le caselle di posta elettronica si riempiono in fretta. Ogni giorno, prima di entrare in ufficio, un uomo si alza e sa che dovrà leggere decine di mail. Sii buono con lui, evita di dilungarti e vai dritto al sodo. Da evitare anche le frasi tipiche del parlato e gli intercalare, come “cioè, diciamo, nel senso che…” anche se vengono letti da uno schermo possiamo affermare che “non si possono sentire”. Un certo rigore nell’uso delle regole grammaticali, ortografiche e di punteggiatura vi farà guadagnare un buon punteggio in visibilità e stima. Non perdere questa occasione.

Distinguersi con i distinti saluti: la chiusura

stesura di lettere formaliFino ad ora abbiamo riportato alcuni esempi di mail formali, soprattutto per quanto riguarda:

  • La presentazione iniziale
  • Il corpo centrale del contenuto

Non ci resta che dedicare l’ultima parte di questa guida alle conclusioni. Esistono diverse formule molto cortesi ed efficaci, non serve puntare sull’originalità per poi rovinare il tutto mentre ci si congeda. Prima ancora dei saluti veri e propri è abbastanza comune ringraziare per aver ricevuto l’attenzione, si dà per scontato che dall’altra parte ci sia qualcuno che ci legge. Le due modalità più utilizzate nelle email di lavoro sono:

  • Distinti saluti
  • Cordiali saluti

E infine si appone la propria firma, con nome e cognome, come si farebbe per qualsiasi altro documento ufficiale. Difatti non ci si discosta molto dalle linee guida da seguire per la stesura di lettere tradizionali, con la sola differenza che si tratta di un formato elettronico. Ma l’educazione non è virtuale, quella dev’essere reale, diffusa e condivisa sempre, anche in rete, specialmente quando ci si rivolge a destinatari che hanno posizioni di rilievo e verso i quali ci si aspetta un comportamento adeguato.

Un discorso a parte meriterebbe la stesura di lettere formali in inglese, o più in generale per l’estero. A seconda del paese di destinazione le regole cambiano, perché le impostazioni standard subiscono leggere modifiche sulla base delle abitudini del luogo. Se stai per inviare una mail di questo tipo ti consigliamo di farlo la mattina, tutte le comunicazioni di questo genere hanno più probabilità di essere lette con calma e tranquillità, inoltre risulta poco serio o professionale ricevere mail inviate nel cuore della notte. Sono cose a cui non si presta attenzione, ma possono davvero fare la differenza.

Non ci resta che augurarti in bocca al lupo per tutte le comunicazioni, sperando che questo articolo ti sia stato utile.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali