informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Storia della radio in Italia: le tappe più importanti

Commenti disabilitati su Storia della radio in Italia: le tappe più importanti Studiare a Chieti

La storia della radio in Italia è affascinante e sottolinea l’importanza della diffusione dell’informazione. Anche se la tecnologia ha portato la rivoluzione della rete e un cambiamento epocale nelle modalità di fruizione delle notizie, della cultura e dello svago sui mezzi di comunicazione, bisogna evidenziare che in Italia la radio è ancora un fenomeno di massa. Moltissimi italiani ascoltano la radio durante la giornata, confermando il nostro paese tra quelli europei con maggior percentuale di interesse per i programmi radiofonici. Il successo è scritto nella storia di questo canale comunicativo, ma anche nei numerosi vantaggi che garantisce.

La nascita della radio

prima trasmissione radiofonica italianaTornare indietro nel tempo e sondare l’origine del mezzo radiofonico è un viaggio entusiasmante. Furono diversi esperimenti a sfociare in quello che oggi conosciamo tutti come radio, quello strumento che ci fa compagnia in mezzo al traffico e quando viaggiamo su un treno e ci sintonizziamo sulle onde di frequenza inforcando le nostre cuffiette.

Furono studi specifici, legati alla luce, all’elettricità e al magnetismo, a dare vita a onde elettromagnetiche che nel tempo vennero non solo prodotte ma anche diffuse e trasmesse senza bisogno di fili e coprendo distanze prima impensabili. Una data significativa è il 1901, data in cui venne trasmessa via radio la lettera S.

Ma non possiamo comunque negare che il destino della radio è indissolubilmente legato a Nikola Tesla, che già nel 1893 aveva ideato un apparato in grado di incorporare informazioni radio, anche se probabilmente non a trasmetterle o riceverle, motivo per cui gli altri stati al di fuori degli Stati Uniti non hanno recepito e confermato la sentenza che dovrebbe dichiarare l’insigne scienziato come l’inventore della radio.

Fu solo negli anni ’20 che si registrano i primi concreti segnali di diffusione di messaggi sonori alle masse. E proprio in quegli anni, nel 1922, nasce la radio più antica del mondo: la BBC.

L’invenzione della radio può essere paragonata a quella della stampa, se riflettiamo sulla portata e l’impatto straordinario che ebbe sulla cultura, non solo sulla diffusione, ma anche sulla produzione. I primi successi e l’impatto maggiore si ebbero inizialmente in America ed Europa. Si affermano soprattutto due modelli, che poi vengono replicati in tutti i paesi con declinazioni leggermente diverse a seconda dei casi:

  • Modello libero: iniziativa e finanziamenti privati
  • Modello pubblico: gestito dal monopolio dello Stato

Il primo modello è tipico dell’America, mentre il secondo è quello maggiormente impiegato nel Regno Unito. Ma in Italia cosa succede? Lo vediamo nel dettaglio nel prossimo paragrafo.

La radio italiana: origine e sviluppo

Alcuni importanti studi che portarono all’invenzione della radio si possono ricondurre al territorio italiano, nel quale il successo tecnologico si fece particolarmente rilevante ed ebbe molta facilità ad attecchire. Uno degli ambiti in cui venne utilizzato fin da subito fu quello militare. Durante la Prima Guerra Mondiale il telegrafo venne addirittura proibito ad usi civili. Una data significativa fu il 1924: Costanzo Ciano, allora ministro delle poste diede vita alla prima emittente, l’Unione Radiofonica Italiana. La prima trasmissione in programma fu l’esecuzione di un quartetto d’archi. La musica da allora entrò con forza nelle case degli italiani, contribuendo ad arricchire la vita delle persone e le possibilità di intrattenimento. Ma quali altre informazioni veicolò la radio italiana?

  • Bollettino meteo
  • Notiziario
  • Informazioni finanziarie

Nel 1925 venne diramato un decreto regio che sancì la proibizione di trasmissioni private, le emittenti autonome erano severamente vietate. Un mezzo di così facile e immediata fruizione necessitava di un controllo serrato da parte dello Stato. Il monopolio assoluto della comunicazione era totalmente in mano all’URI che sempre in quell’anno inaugurò Radiorario, il settimanale ufficiale, con l’obiettivo di individuare i gusti del pubblico e di fornire una programmazione sempre più inerenti alle esigenze degli utenti.

Tra il 1926 e il 1930 nacquero diverse stazioni tra le città di:

  • Napoli
  • Milano
  • Bolzano
  • Genova
  • Torino

Ma alcuni problemi limitavano ancora l’utilizzo alle grandi masse. Ad esempio:

  • Alto costo degli apparecchi
  • Problemi ai segnale di trasmissioni

Eppure in breve tempo la radio italiana era destinata a crescere a dismisura.

Gli anni trenta: il successo della radio italiana

Per comprendere la popolarità del fenomeno e per vedere i primi grandi risultati su larga scala dobbiamo aspettare gli anni Trenta. Ovviamente gli ultimi anni Venti furono attraversati dalle questioni legate al regime fascista, che modificò il nome dell’URI in Ente Italiano Audizioni Radiofoniche, sotto l’egemonia dell’allora Agenzia Stefani, organo di stampa ufficiale del regime fascista. La propaganda fu avvantaggiata dall’uso della radio. Dal momento che non tutta la popolazione era dotata di apparecchi molti cittadini si recavano nei locali pubblici per ascoltare la programmazione. Inoltre, per aumentare la portata della propaganda il Duce fece trasmettere i suoi discorsi da altoparlanti posizionati nelle piazze del paese.

Durante il 1933 un progetto chiamato Radiorurale portò la radio nelle scuole italiane, dove gli studenti poterono accedere ad un nuovo strumento di conoscenza della lingua italiana. L’Unità d’Italia non aveva ancora sortito gli effetti sperati e restavano larghe fasce di popolazione che ancora non parlavano un corretto italiano. Possiamo intendere qual era la grande efficacia di un mezzo radiofonico capace di raggiungere tutti gli angoli della penisola.

Un altro settore che crebbe grazie all’invenzione radiofonica fu quello pubblicitario. Nel 1930 durante la programmazione vennero diramati anche i primi annunci pubblicitari. Un’altra data da ricordare per questi gloriosi anni Trenta è il 1935. Purtroppo la ricorrenza non è felice, la guerra di Etiopia, le sue battaglie, vennero trasmesse in diretta iniziando la tradizione della radiocronaca. La storia non sarebbe più stata la stessa, la guerra arrivava nei salotti, nei bar, nei locali di tutto lo stivale. La tradizione proseguirà durante il secondo conflitto mondiale. L’EIAR dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 diventa la radio ufficiale della Repubblica Sociale Italiana, mentre gli americani contribuiscono a diffondere altre emittenti nel meridione:

  • Radio Bari
  • Radio Sardegna
  • Radio Napoli
  • Radio Roma
  • Radio Palermo

Dagli anni Cinquanta ai giorni nostri: anni d’oro della radio

autoradioLa radio italiana è sempre stata legata al mondo della musica. Grazie anche all’abbassamento dei prezzi il numero degli impianti aumenta. Ecco in lista quali sono gli eventi più significativi degli anni Cinquanta:

  • 1949 Nascita della RAI (Radio audizioni italiane) 1949
  • 1951 trasmissione del primo festival di Sanremo
  • 1951 creazione di tre reti: Nazionale, Secondo e Terzo

Ma fu un evento clamoroso a dare uno scossone al mondo della radiodiffusione: l’avvento della televisione, che fece fin da subito una spietata concorrenza alla sua cugina senza schermo. Per far fronte a questa sorta di “emergenza” la radio risponde con una programmazione pressoché ininterrotta, dalla mattina alla sera.

Ma il meglio dove ancora arrivare. L’invenzione dell’autoradio fece sì che la radio diventasse mobile e che da allora in poi diventasse una delle più fedele compagne di viaggio e di vita degli italiani.

I decenni a seguire saranno una sequela di successi che possiamo brevemente sintetizzare così:

  • Anni Sessanta: differenziazione tematica dei canali
  • Anni Settanta: nascita delle radio libere
  • Anni Ottanta: dalle radio libere alle radio private
  • Anni Novanta: la formula del Network

Proprio durante gli anni Novanta molti si aspettano di veder morire il mezzo radiofonico, anche in seguito all’avvento di internet. Ma non sarà così, anzi proprio a cavallo dei Duemila la radio viene rilanciata da nuove tecnologie che garantiscono un ascolto di maggiore qualità, dall’ascolto via satellite e dalle web radio.

L’Italia continua a confermare il gradimento per la radio, come dimostrano recenti sondaggi che dimostrano che circa il 45% degli italiani preferiscono la radio alla televisione.

La storia di questo straordinario mezzo di comunicazione non è ancora destinata a finire.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali