informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tesi in giurisprudenza: idee, consigli e metodi

Commenti disabilitati su Tesi in giurisprudenza: idee, consigli e metodi Studiare a Chieti

La tua carriera di studente sta per volgere al termine. La tesi in giurisprudenza è l’ultimo scoglio da superare, un lavoro che raccoglie e onora tutti gli sforzi fatti. Ma il tempo che precede il grande giorno, prima della discussione e dei festeggiamenti, viene impiegato per la pianificazione. Individuare un argomento di tesi in diritto che possa stimolare il tuo interesse e contemporaneamente quello della commissione è il segreto per procedere speditamente nel lavoro e guadagnare il rispetto degli uditori (e un voto alto!). Leggi questo articolo per avere informazioni, consigli e suggerimenti utili su come muovere i primi passi per la realizzazione della tua tesi in giurisprudenza.

Come fare una tesi di laurea in giurisprudenza

argomenti tesi dirittoIl tempo dell’università è scandito da specifiche scadenze che vanno rispettate. La richiesta di assegnazione della tesi deve pervenire con sufficiente anticipo, per permettere alla facoltà di prendere visione della domanda, ma si sconsiglia generalmente di iniziare la redazione della tesi prima della conclusione degli esami. Per scrivere una tesi in giurisprudenza è necessario mettersi di buona lena, con la massima attenzione e concentrazione. Prendi il tempo che ritieni opportuno e lavora senza eccessive pressioni, il lavoro ti ripagherà.

In alcuni casi sarà necessario ripassare materie che sono state soggetto d’esame nei primi anni di università. Forse hai dimenticato qualche concetto importante. Oppure non ti senti del tutto sicuro su alcuni argomenti. Per esempio, per scrivere una tesi in diritto costituzionale potresti sentire l’esigenza di ritornare sul vecchio manuale. È un’ottima idea, questo è il momento giusto per farlo. Con il ripasso farai maggiore chiarezza e potrai scrivere in maniera più spedita e convincente il tuo progetto di tesi.

I passaggi fondamentali di una tesi in giurisprudenza

Hai organizzato il tuo tempo. Hai dato un’occhiata al calendario e hai scelto quale sarà la data d’appello in cui discuterai la tesi. Molto bene. Sicuramente hai ben chiaro anche quale disciplina o branca del diritto sarà oggetto del tuo lavoro, di conseguenza avrai individuato un professore di riferimento. Questi sono i passaggi preliminari prima di giungere allo svolgimento vero e proprio.

Il processo può essere scandito in diverse fasi, che sono:

  • Scelta dell’argomento
  • Incontro con il relatore
  • Mappatura bibliografica delle fonti di ricerca
  • Lettura valutativa del relatore

Per scrivere una tesi in giurisprudenza è necessario porsi delle domande a cui la tesi risponde. Il lavoro dovrà riuscire a rappresentare l’essenza stessa del diritto: la risoluzione dei problemi. Non è necessario fari esempi di tesi in giurisprudenza, proporre ipotetici titoli o argomenti. Una tesi è in grado di fare la differenza e di mostrare la propria validità non solo per quello che dice, ma per come lo dice, ossia per il metodo lavoro con cui viene realizzata, che di solito è l’applicazione di metodo di studio efficace.

Se hai comunque bisogno di qualche spunto per farti venire un’idea di tesi innanzitutto pensa alle materie che compongono il diritto e valuta qual è quella che stuzzica la tua curiosità o quella in cui hai brillato di più all’esame tra:

  • Diritto pubblico
  • Diritto amministrativo
  • Diritto costituzionale
  • Diritto privato
  • Diritto del lavoro
  • Diritto internazionale
  • Storia del diritto

Non possiamo proseguire la lista, diventerebbe troppo lunga e forse noiosa. Dentro di te hai già la risposta alla fatidica domanda che ti stai ponendo: quale argomento scegliere per la tesi di laurea?

Lo svolgimento della tesi

Per la redazione di un buon lavoro è di fondamentale importanza attingere a fonti accreditate e autorevoli. A questo scopo serve l’incontro con il relatore. Un professore competente nella disciplina prescelta saprà farti da guida nella scelta delle letture di base, ad esempio:

  • Manuali
  • Enciclopedie
  • Commentari
  • Riviste

Grazie alla lettura di queste fonti si passa dall’argomento generale a quello specifico, che di solito viene inserito come sottotitolo per specificare l’oggetto peculiare della tesi. L’argomento può essere anche il frutto di un lavoro di tirocinio o ricerca diretta, anche se queste proposte sono meno frequenti nella facoltà giurisprudenza e più comuni in altre facoltà.

Ad ogni modo, non sarà difficile trovare qualche esempio tesi di laurea sperimentale giurisprudenza, prova a chiedere al relatore ti mostrarti qualche riferimento da cui trarre ispirazione.

A questo punto potrai già approntare la prima bozza di introduzione. Sarà comunque provvisoria, perché con estrema probabilità cambiare con l’evolvere dello studio, della ricerca e della scrittura.

Man mano che il lavoro prenderà forma dovrai proporre i vari capitoli al relatore. Una prima valutazione sulle singole parti ti sarà d’aiuto per giungere alla stesura completa senza commettere errori di esposizione. La lettura finale, dopo la rilegatura, solitamente è quella definitiva, che non prevede modifiche.

Tesi in diritto: ultime considerazioni

Chi si iscrive all’università sa che prima o poi dovrà affrontare questa sfida. C’è chi la prende con allegria ed entusiasmo e chi vive il periodo della tesi con preoccupazione e ansia. Nelle settimane di lavoro si ha la possibilità, finalmente, di mettere in campo le capacità di elaborazione teorica e pratica apprese durante il periodo universitario.

Hai la tua occasione per dimostrare a cos’è servita la formazione che ha scelto. Valuta quale tipologia di tesi può esaltare maggiormente le tue abilità:

  • Tesi compilativa
  • Tesi sperimentale

Come abbiamo già detto, in giurisprudenza ci si aspetta una tesi compilativa. Lo studio del diritto si basa sulle fonti, saperle maneggiare con cura e destrezza per comporre la ricerca e accompagnare il lettore alla scoperta e all’analisi della bibliografia di riferimento è un percorso attivo e appagante, che ti darà soddisfazione durante la stesura e dopo, quando ti ritroverai a stringere la mano alla commissione con il sorriso sulle labbra, oppure quando ad un colloquio di lavoro di accorgerai che un buon lavoro di tesi può anche fare curriculum.

Allora buon lavoro di studio e scrittura. La tua tesi in giurisprudenza è solo uno dei tanti risultati di successo che incasserai nel corso degli anni, guarda oltre l’orizzonte con fiducia.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali