informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Test proiettivi di personalità: cosa sono e a che servono

Commenti disabilitati su Test proiettivi di personalità: cosa sono e a che servono Studiare a Chieti

I test proiettivi di personalità sono un valido strumento della psicologia, che attraverso vari stimoli volutamente ambigui cercano di far emergere i contenuti psichici inconsci di un Individuo. Sono costantemente posti al centro di critiche per una presunta mancanza di oggettività. Ma è utile conoscerli perché restano ancora comunemente utilizzati.

Test di personalità proiettivi

test macchie di rorschachPer imparare a conoscere meglio i test psicologici di tipo proiettivo dobbiamo innanzitutto fare una distinzione a monte tra le tre principali tipologie, distinte a seconda della modalità in cui lo stimolo viene strutturato.

  • Metodi costitutivi
  • Metodi interpretativi
  • Metodi costruttivi

Dal primo gruppo fa parte il test più famoso, che spesso compare nelle scene dei film quando un bambino apparentemente sensibile viene sottoposto alla visione di forme particolari. Stiamo parlando del test di Rorschach. Il soggetto (non dev’essere per forza un bambino) deve associare una forma a un materiale che non possiede struttura.

Nel gruppo dei test interpretativi il soggetto riceve degli stimoli tramite i quali deve fornire un significato. L’obiettivo è quello di trovare un filo rosso tra gli eventi del passato, del presente e del futuro, che sia in grado di lasciar emergere necessità e mancanze.

Nei metodi costruttivi il materiale è già definito per forma e grandezza, spetta al soggetto costruire un modello che possieda significato compiuto e che sappia esprimere i suoi bisogni.

Il test di Rorschach

Nei seguenti paragrafi esploreremo i test psicologici più famosi, quelli applicati con più frequenza.

Partiamo da quello proposto dal medico svizzero Rorschach nel 1921. La sua intuizione fu quella di utilizzare delle macchie di inchiostro simmetriche per indagare degli aspetti della persona non inerenti alla sfera cognitiva.

Come si presenta il test?

  • 10 tavole bianche
  • macchie nere/colorate su sfondo bianco
  • simmetria bilaterale

La richiesta è quella di attribuire un significato a queste tavole. Si interpreta non solo quello che verbalizza il soggetto ma anche:

  • come vengono tenute le tavole
  • il tempo tra una tavola e l’altra
  • il tempo delle risposte

Le tavole vengono presentate e ripresentate, in una fase secondaria chiamata “inchiesta” per tentare di individuare in quale zona della macchia è nata la risposta, approfondire la percezione delle caratteristiche di forma, colore e movimento e infine per valutare l’originalità della risposta. A questa segue l’assegnazione di un simbolo che viene registrato con una sigla. Ogni sigla ha un significato psicologico.

Test di appercezione Tematica

Il tipo Thematic Apperception Test (TAT) ha come obiettivo quello di individuare e cancellare i conflitti all’interno della personalità. Ideato da Murray nel 1943, si basa sulla concezione di fondo che il soggetto, costruendo un racconto a partire da uno stimolo ridotto, possa esprimere i propri bisogni e i tratti peculiari della personalità. Anche questo è un test della personalità costituito da tavole, come nel caso precedente. Il TAT prevede 11 tavole uguali per soggetti di qualsiasi età e 20 specifiche per sesso e fasce d’età, costituite da:

  • disegni
  • fotografie
  • riproduzioni di quadri

Le tavole sono proposte in sequenza e viene richiesto al soggetto di costruire una storia che contempli anche ciò che è avvenuto prima, il presente e ciò che secondo lui avverrà alla fine. Anche in questo caso è prevista una fase di “inchiesta” in cui il professionista che somministra il test indaga le motivazioni ed eventuali collegamenti con la vita personale. Viene utilizzato soprattutto per approfondire casi di nevrosi e psicosi nel soggetto.

Test dell’albero

Anche chiamato reattivo dell’albero è stato inventato nel 1949 da Karl Koch. Come il nome stesso suggerisce è l’interpretazione del disegno di un albero finalizzato a comprendere la personalità di una persona. Il nome di test proiettivo sta ad indicare il fatto che durante queste prove il soggetto sta proiettando se stesso. I metodi proiettivi pertanto includono spesso utilizzano spesso il disegno oppure l’interpretazione psicografologica, tenendo conto degli elementi e delle caratteristiche che con cui il soggetto svolge il processo oppure delle emozioni che proietta nei disegni.

In questo caso è l’albero il simbolo che veicola la proiezione inconscia della persona. Il test si prefigge di individuare:

  • la visione complessiva della personalità
  • gli stati emotivi
  • le modalità di instaurazione dei rapporti
  • desideri consapevoli e inconsci
  • conflitti intimi

La prima valutazione del test dell’albero avviene semplicemente leggendo l’espressione grafica. Per sondare più in profondità vengono presi in considerazione molti più dettagli per cui è necessaria un’osservazione oggettiva. Importante distinguere tra:

  • osservazione dell’aspetto totale
  • analisi delle caratteristiche singole

Blacky Pictures Test

Questo testo proiettivo, dedicato all’infanzia, è nato per comprendere le dinamiche dell’infanzia, sulla base degli insegnamenti di Freud e in particolar modo all’interno del modello psicosessuale. Oltre che proiettivo può essere definito reattivo narrativo o di contenuto.

Si tratta di 12 vignette che vedono come protagonisti dei cani in situazioni classiche della teoria psicanalitica. Precisamente una famiglia di cani, il cui protagonista è Blacky, insieme al fratello Tippy e alla madre e al padre. Ai bambini viene chiesto di costruire una storia a partire dalle immagini viste. Il risultato viene indagato per tracciare le personalità secondo quelle descritte da Freud.

Molti studi ulteriori sono stati fatti per testare la validità del Blacky Pictures Test ma i risultati sono ambigui.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali