informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Turismo ecosostenibile: che cos’è e perché è importante

Commenti disabilitati su Turismo ecosostenibile: che cos’è e perché è importante Studiare a Chieti

La possibilità di viaggiare ha sempre affascinato l’uomo. Il turismo ecostenibile si inserisce nel bisogno del nostro tempo di preservare e valorizzare i luoghi turistici riducendo l’impatto dei flussi di persone che ogni anno scelgono di spostarsi. In questo articolo vogliamo approfondire questo tema e raccontare come nasce e perché è importante scegliere il turismo responsabile.

Turismo ecosostenibile: le origini

viaggi alternativiTra i vari tipi di turismo che sono emersi nel corso dei secoli quello ecosostenibile è tra i più recenti. La sua nascita risale a qualche decennio fa. Negli anni Settanta iniziò a farsi strada un nuovo concetto di viaggio, rispettoso dell’ambiente. In quegli anni per la prima volta si inizia ad usare il termine e a renderlo ufficiale anche nei contesti istituzionali.

Nel 1980, con la dichiarazione di Manila gli Stati scelgono di assumersi la responsabilità nella promozione di progetti turistici a basso impatto ambientale e con finalità sociali.
Il concetto di base sottolinea l’importanza del turismo non solo come fenomeno economico, soprattutto per i paesi che un tempo venivano definiti “in via di sviluppo”.

L’attenzione e il fascino che questi luoghi hanno sprigionato nei confronti dei viaggiatori hanno sollevato diverse problematiche, dalla preservazione degli ecosistemi alla possibilità di mantenere inalterati gli equilibri socio-economici all’interno delle comunità indigene.

Ma non si parla di un turismo alternativo solo per le destinazioni esotiche, anche in Occidente una maggiore sensibilità ha portato a ripensare il modo di pianificare i viaggi e di offrire servizi legati alla ricettività.

Un esempio lampante sono gli hotel, gli agriturismi e altre strutture che investono al fine di ridurre l’impronta energetica, utilizzando energia sostenibile e costruendo soluzioni più etiche ed ecologiche.

Il decalogo del turismo consapevole

Fortunatamente negli ultimi anni stanno crescendo le possibilità di fare turismo in modo ecologico, etico e più giusto. L’anno scorso è stato l’anno del turismo sostenibile, come dichiarato dall’ONU.
Negli ultimi anni si parla di una grossa inversione di tendenza nel settore, si è passati dal turismo di destinazione a quello di motivazione. Le persone prenotano una vacanza, immaginano un viaggio e scelgono di partire spinti dalla voglia di fare esperienza.

Dal momento che la totalità delle attività turistiche corrisponde alla quarta fonte di inquinamento sul pianeta è necessario un esame di coscienza e nuovi modi di agire. Chiunque ama viaggiare dovrebbe conoscere queste dieci regole:

  1. Partire con mezzi di trasporto a basso impatto
  2. Preferire viaggio “slow”
  3. Spostarsi nei luoghi con mezzi alternativi
  4. Soggiornare in strutture virtuose dal punto di vista ecologico
  5. Sostenere le piccole economie del territorio
  6. Individuare le reti locali
  7. Controllare le certificazioni
  8. Relazionarsi con altri viaggiatori “sostenibili”
  9. Valorizzare il patrimonio storico e culturale
  10. Scoprire prodotti tipici

Approfondiamo insieme ognuno di questi punti per capire il senso profondo di un nuovo modo di viaggiare. Non più semplici gite e vacanze, ma immersioni nella vita e nella storia di un luogo, coinvolgimento reale con le dinamiche più autentiche. Questo è il tipo di viaggi che lascia il segno, oltre ad un semplice timbro sul passaporto.

Mezzi di viaggio “verdi”

La scelta dei mezzi di trasporto fa la differenza. Quando pensi alle tue prossime vacanze come immagini di raggiungere la località prescelta? Ecco quali sono le possibilità:

  • Macchina
  • Pullman
  • Treno
  • Nave
  • Aereo

Tra questi mezzi probabilmente l’aereo è quello che inquina di più. Ma bisogna fare alcune precisazioni. Probabilmente esistono valide ragioni per cui alcune persone scelgono d viaggiare tra Roma e Napoli in aereo, ma considerando che il treno alta velocità riduce l’emissione di inquinamento e impiega lo stesso tempo per portare una persona direttamente dal centro di una città all’altra, perché non valutare quest’ultima possibilità?

La macchina può essere un’alternativa “green” soprattutto se condivisa. Il car sharing ha rivoluzionato i trasporti aumentando le possibilità di spostamento e riducendo l’impatto ambientale dell’utilizzo di un automobile per uso esclusivo.
Tra i mezzi citati il peggiore dal punto di vista di sostenibilità è la nave, o meglio ancora la crociera. Per quale motivo? Oltre al livello di inquinamento che produce, non apporta alcun beneficio ad alcun territorio, crea un’economia chiusa e una incentiva presenza invasiva di turisti in località concentrate sulle coste, senza una diffusione di scambi positivi.

Ricettività turistica ecologica ed etica

I viaggi slow si affiancano al concetto di etica del turismo, abbracciano una filosofia che fa della lentezza un’occasione di consapevolezza. Consapevolezza intesa come capacità di valutare con discernimento e attenzione le località che si sceglie di visitare, non per il mero gusto di divertirsi e rilassarsi, ma per attivare un processo di crescita per sé stessi e per chi accoglie.

Scegliere di dormire in un albergo che ha ridotto l’impronta di inquinamento, in cui viene recuperata l’acqua piovana, il sole offre energia elettrica e i pasti sono a base di prodotti km 0 non è una scelta scontata, ma indubbiamente è un’esperienza formativa.

Esistono anche possibilità di ospitalità che si prefiggono di creare connessioni tra turisti e gruppi sociali in contesti delicati. Pensiamo ai viaggi che valorizzano le comunità locali indigene, inserendoli in progetti di sviluppo e di accoglienza. Ma anche ai borghi che scelgono di rinascere di creare ospitalità diffusa per valorizzare le tradizioni locali, come sta accedendo in alcuni luoghi d’Italia.

Certificazioni per il turismo responsabile

Con l’avvento di questo nuovo approccio è nata anche l’esigenza di regolamentare e certificare le realtà che aderiscono a questa filosofia. Purtroppo bisogna ammettere che non sempre è possibile riconoscere a colpo d’occhio una realtà veramente etica dal punto di vista turistico.

Le certificazioni possono aiutarti a scegliere in maniera corretta, funzionano come una sorta di “bussola” che ti orienta verso situazioni la linea con ecologia ed etica.

Gli esempi più autorevoli sono:

  • ICEA: Istituto per la certificazione Etica e Ambientale (certificazione Eco Bio Turismo)
  • AITR: Associazione Italiana Turismo Responsabile
  • I Borghi Autentici d’Italia
  • Le Vele di Legambiente
  • Le Città Slow di Slow Food
  • Il premio Città per il Verde

Queste certificazioni e premi sono sostenuti da associazioni che da anni lavorano per strutturare criteri e regolamentazioni serie e affidabili per i turisti che scelgono una vacanza diversa.

struttura ricettiva ecosostenibilePrima di prenotare una vacanza sostenibile assicurati che la struttura ospitante e la località abbiano almeno uno di questi riconoscimenti, eviterai spiacevoli soprese e ti troverai in un ambiente più adatto al tuo animo sensibile verso il pianeta.

Un’altra grande opportunità sono gli eventi, i festival e le manifestazioni che si ripetono ogni anno in diverse destinazioni italiane e non, per celebrare e diffondere una nuova cultura di sostenibilità. Una bella scusa per prendere un biglietto per una città che ancora non hai visitato o tornare a visitarne una sotto un’altra veste.

Il turismo è un canale di conoscenza e scambio, un rapporto di comunicazione tra persone e comunità che da sempre continua a muoversi e a far muovere. Non lasciare al caso la scelta dei luoghi da visitare, cerca di aderire a tipi di turismo più rispettosi. Se vivi in un luogo da valorizzare, una città o una zona turistica fatti tu stesso promotore di iniziative virtuose, aderisci a comitati e reti che si battono per diffondere una nuova visione, avrai così la possibilità di far conoscere le bellezze della tua terra sotto altri punti di vista, preservando il luogo per le generazioni future e lasciando impresso un ricordo autentico e speciale nelle persone che sceglieranno di visitarlo.

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali