informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Conclusioni di una tesi compilativa: ecco come si scrivono

Commenti disabilitati su Conclusioni di una tesi compilativa: ecco come si scrivono Studiare a Chieti

Sei quasi giunto alla fine del tuo lavoro, ti stai chiedendo come scrivere le conclusioni della tesi compilativa, il tipo di ricerca che hai scelto di intraprendere. Si tratta di un momento importante per chiudere in grande stile. Nella parte conclusiva viene racchiusa la summa, il concetto ultimo, quello che sottolinea il valore della ricerca e dell’esposizione e lascia intuire quali sviluppi futuri potrà assumere. Ma per essere chiari bisogna seguire uno schema. Vedremo insieme come fare.

La tesi compilativa: dall’inizio alla fine

Se hai scelto questa tipologia ti sei ritrovato a dover sintetizzare in modo chiaro e logico una serie di letture e approfondimenti su un determinato argomento. Hai raccolto informazioni da fonti accreditate, che avrai citato nella bibliografia, e avrai elaborato queste fonti per analizzarle nel dettaglio.

Verrebbe quasi da pensare che scrivere le conclusioni per una tesi compilativa sia più semplice. In fondo, ti dici, è solo una panoramica del pensiero altrui o di vari casi studi sull’argomento. Sbagliato! In realtà proprio alla fine si deve concedere maggiore spazio all’opinione personale e alla critica che emerge dal proprio punto di vista e dalla conoscenza del tema.

Dopo aver studiato a lungo le varie sfaccettature è giunto il momento di fare la differenza con il tuo unico e personale contributo. Usando una metafora possiamo dire che i capitoli precedenti sono i tasselli di un mosaico e che le conclusioni della tesi sono la visione d’insieme del quadro.

Nella tesi sperimentale, che di solito prevede una ricerca specifica, vengono presentati i risultati e discussi criticamente. Si sintetizzerà ciò che è emerso nei capitoli precedenti fornendo un’interpretazione.

Come dividere la tesi in capitoli e sottocapitoli

La conclusione è solo una parte. Bene, allora scopriamo le altre, ma soprattutto come organizzarle al meglio. Generalmente la suddivisione classica prevede:

  • Capitoli
  • Paragrafi
  • Sottoparagrafi

Questa impostazione rende più fluida la lettura sia dal punto di vista della comprensione del testo sia dal punto di vista grafico. Ovviamente questa struttura consente di articolare in vari gradi di approfondimento il tema specifico della tesi.

Per una tesi compilativa è utile dividere il lavoro in tre o quattro capitoli, non di più. Se pensi di avere aiuto puoi chiedere al tuo relatore. Il suo compito è quello di seguirti e non si tirerà assolutamente indietro nel momento in cui chiederai il suo supporto.
La redazione in vari capitoli e sottosezioni permette di giungere per gradi al nocciolo delle varie questioni che compongono il quadro teorico finale. Solo con una buona esposizione dall’introduzione della tesi riuscirai a raggiungere una degna conclusione.

Tra loro le pagine sono legate da un filo conduttore, è importante che tu lo segua per tutta la trattazione.

Oltre ai classici capitoli sono previste delle sezioni aggiuntive e del tutto opzionali, per esempio:

  • Premessa
  • Appendice
  • Ringraziamenti

Prima di scrivere queste parti che non sono fondamentali per i fini della ricerca preoccupati di consegnare i capitoli al relatore mano a mano che li scrivi. Solo così, grazie alle sue eventuali correzioni, sarai sicuro che la tesi sia corretta e pronta per essere discussa.

indicazioni compilazione tesi di laureaPrima di questo periodo della tua vita forse non avevi idea di quanto potesse essere complesso tutto il lavoro che ti aspettava. Non c’è solo il lavoro di studio e ricerca, ma c’è anche la scrittura, l’impaginazione e altri aspetti più tecnici che non puoi permetterti di trascurare. Per fortuna frequentando corsi di laurea on line non devi imbatterti anche in tutte le incombenze burocratiche. Basta lunghe file davanti agli uffici dei professori, nei meandri di facoltà polverose.

Le possibilità che offre la rete riducono i tempi e la percentuale di stress sugli studenti, con un conseguente innalzamento della qualità dei loro lavori.
Più tempo per studio e più concentrazione, anche questo è il vantaggio indiscutibile di un corso di laurea on-line.

La sezione conclusiva della tesi descrittiva

Un consiglio è quello di indicare sempre gli sviluppi a cui può condurre il tuo lavoro. Hai la possibilità di tracciare un solco verso nuove indagini. Sei proprio convinto di aver detto tutto quello che c’è da dire sull’argomento. Probabilmente com’è giusto che sia ti sei concentrato su un argomento particolare. Allora chiediti quali altri ancora ci sarebbero da studiare.

La tua stessa curiosità e la sete di conoscenza avrà alimentato il desiderio di sapere ancora di più su quanto studiato. Appuntati quali quesiti ti sei posto e poi scrivi in un paragrafo queste domande come un invito a continuare a indagare in quella direzione.

A volte è possibile anche utilizzare un tipo di formattazione più snella e diretta. Ad esempio puoi utilizzare direttamente l’elenco puntato per mostrare con semplicità quello che vuoi dire.

Se non ti senti sicuro prova a leggere qualche esempio di tesi di laurea di studenti che si sono laureati prima di te nel medesimo argomento, puoi chiedere al tuo relatore di metterti in contatto con loro.

Gli errori da non fare nella conclusione della tesi

Fin qui abbiamo sottolineato che cosa è giusto e utile fare. Ma ci sono anche dei suggerimenti su cosa è meglio evitare. Per essere chiari su questo punto ti forniamo una lista di consigli da tenere sempre bene a mente.

  • Non ripetere i titoli dei capitoli
  • Non elogiate il vostro lavoro
  • Non fate commenti inopportuni
  • Non giudicate l’esperienza altrui
  • Non fate errori di battitura e grammaticali

Svisceriamo uno ad uno questi punti per assimilare bene i concetti. Così non potrai dire che eri stato avvertito su come scrivere una degna conclusione al tuo progetto.

Il capitolo finale di una tesi compilativa è la sintesi di quanto emerso nel corso dello studio delle fonti e dell’analisi del pensiero su cui ti sei soffermato. Una sintesi, non una ripetizione.

struttura della tesiIl lettore ha già avuto abbastanza tempo per conoscere il contenuto.
Soprattutto non scadere nel gravissimo errore di essere tu a riempirti di complimenti, lascia anche siano gli altri a notare la tua bravura, la tua intelligenza. La sicurezza in sé stessi non ha bisogno di essere manifestata con belle parole, è sufficiente la qualità di ciò che hai prodotto a farti emergere. Per lo stesso motivo non è una buona idea quella di parlare male di altri studiosi che prima di te hanno pubblicato ricerche simili. Per quale motivo dovresti farlo? Il disaccordo è stimolante, ma non deve scadere nell’insulto o nello svilimento.

Cerca di mostrare la forza della tua tesi, sostienila con opportuni argomenti critici e se ci sono teorie che traballano cadranno sicuramente sotto il peso schiacciante delle tue argomentazioni.

L’ultimo consiglio, quello che non manca mai quando si tratta di suggerimenti su come scrivere la tesi al meglio, è la correttezza di grammatica e sintassi. Non scherziamo, non si può arrivare alla laurea scrivendo qual è con l’apostrofo o sbagliando le coniugazioni verbali, questo è imperdonabile.

Nel corso della nostra decennale esperienza nel campo della formazione universitaria abbiamo seguito passo passo molti studenti dei nostri corsi di laurea. La tesi compilativa è la tipologia preferita da coloro che si appassionano a una disciplina e vogliono aprire una finestra di approfondimento per apprendere ancora di più. La conclusione è spesso il capitolo più emozionante da leggere. Ci consente di toccare con mano i risultati del nostro impegno come università: formare studenti e professionisti entusiasti e competenti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali