informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come citare le fonti con il metodo MLA

Commenti disabilitati su Come citare le fonti con il metodo MLA Studiare a Chieti

Il metodo MLA nasce e prende il nome dalla Modern Language Association of America. Questa associazione ha tracciato le direttive per le citazioni bibliografiche, per cui anche per le citazioni della tesi, ed è importante conoscerle. La metodologia utilizzata è quella del sistema autore-numero di pagina (inserito solo all’occorrenza), il riferimento viene inserito direttamente dentro il testo, bypassando le note a piè di pagina. È un metodo molto utilizzato, che ha i suoi vantaggi. Ma prima di fornire spiegazioni esaustive sul procedimento adatto a citare qualsiasi tipo di fonte vogliamo raccontare cos’è la MLA e come funziona.

Metodo MLA: non solo citazioni

citazioni nel formato mlaSe conosciamo così bene questo modo di scrivere citazioni nella tesi e in qualsiasi altro tipo di pubblicazione è anche perché questo ente ha una grande fama in America e nel resto del mondo. Abbraccia molti eminenti studiosi di letteratura e lingue moderne. Ha un obiettivo ben preciso: consolidare lo studio della lingua. Fanno parte dell’associazione circa 25.000 membri di 100 paesi, dunque non soltanto americani.

Il contributo di questa associazione è considerato così ampiamente rilevante da modificare e influenzare l’attività pubblicistica delle lingue e delle letterature moderne. Uno dei contributi più significativi è certamente questo a cui abbiamo dedicato questa guida: le citazioni nel formato MLA. Vediamo di cosa si tratta.

Fortato MLA: come citare le fonti

La Modern Language Association ha presentato le linee guide e le direttive sulle citazioni di fonti in bibliografie e nei testi e queste vengono spesso utilizzate e richieste. Questi standard sono stati anche oggetti di pubblicazione e possono essere presi in visione nel MLA Handbook for Writers of Research Papers. Ma vediamo nei paragrafi che seguono quali sono le modalità e i metodi da seguire a seconda della tipologia di fonte da citare e delle preferenze.

Le citazioni MLA nel testo

Il metodo MLA valorizza il ruolo dell’autore, che deve e può essere citato direttamente dentro il testo. Ad esempio puoi fare riferimento all’autore seguendo due diversi modi. Il nome dell’autore o dell’autrice può essere scritto direttamente nel periodo citato, così: “Gli esseri umani sono stati descritti da Kenneth Burke come “animali che usano simboli” (3). In questo caso il numero tre indica il numero della pagina, per questo in apertura abbiamo parlato di metodo autore-numero di pagina.

Oppure può essere nominato dentro la parentesi con il numero, in questo modo: Gli esseri umani sono stati descritti come “animali che usano simboli” (Burke 3)”. Se preferisci che l’autore compaia esclusivamente nel riferimento troverai più azzeccata questa modalità.

Ma può capitare che il nome dell’autore o dell’autrice non sia conosciuto. In tal caso vale inserire solo il titolo dell’opera. Anche se la tecnologia ci consente di reperire facilmente e in modo molto veloce il nome di chi ha scritto un testo può ancora capitare che questo non venga esplicitato o che per un puro caso non sia così semplice individuarlo.
La citazione con il metodo MLA in questo caso funziona esattamente come poco sopra, ovvero inserendo tra parentesi il nome dell’opera e il titolo della pagina, per esempio così:

“Probabilmente, vediamo così tante zone calde nell’America del Nord per quanto riguarda il riscaldamento globale perché questa regione ha “dei dati climatici più facilmente accessibili e dei programmi più comprensivi per monitorare e studiare i cambiamenti ambientali…” (“Impatto del Riscaldamento Globale” 6)”.

L’ultimo esempio per questo paragrafo è quello riguardante le citazioni nel testo che rimandano a molteplici autori e molteplici localizzazioni da citare in una medesima frase. Il meccanismo è analogo a quelli illustrati poco sopra, e praticamente appare nel testo nel modo seguente:

Questa ipotesi (Herrick e Coleman 18) denunciò questa teoria (Clark, Masterson e Andrews 32).

Non viene suggerito o consigliato l’uso di questo tipo di citazione con metodo MLA perché risulta molto sgradevole alla vista e nella fruibilità del testo a causa delle molte parentesi utilizzante.

Metodo MLA per la bibliografia

Ovviamente un testo che sancisce i dettami per una corretta citazione delle fonti non può prescindere dalla stesura di una buona bibliografia. Se stai scrivendo la tesi o una qualsiasi pubblicazione non puoi trascurare questo aspetto.

Devi iniziare a scrivere la bibliografia fin da subito per avere sempre traccia dei testi con i quali stai approfondendo e poter percorrere anche a ritroso il percorso di approfondimento intrapreso.

La posizione della bibliografia nei libri e nei testi è sempre nella parte finale ma ciò non significa che sia l’ultima cosa in ordine di importanza o l’ultima cosa da fare.

L’elenco dei lavori citati deve contenere le informazioni utili per recuperare le fonti a supporto della tua ricerca. Anche per l’impaginazione ci sono delle regole base che è opportuno seguire.

I margini della pagina devono essere di 2.5 cm.

Ogni citazione deve avere interlinea doppia e spazi tra le entrate. Inoltre, fai rientrare la seconda e le seguenti righe della citazione di 1.25 cm (per una rientranza in sospeso).

Sul fatto che si debba rispettare l’ordine alfabetico speriamo non ci sia bisogno di insistere. In tutte le bibliografie viene utilizzato questo ordine e non ci sono ragioni (se non di natura eccezionale e specifica) per fare diversamente. Per utilizzare l’ordine alfabetico si prende come riferimento il cognome degli autori. Non è necessario inserire i titoli, che vanno o messi.

Aggiornarsi sul formato MLA

Gli standard MLA per le citazioni non rimangono invariati per sempre, anzi, subiscono modifiche e aggiornamenti nel tempo ed è utile dare un’occhiata ogni tanto. I professori non sempre sono aggiornati su queste modifiche quindi puoi muoverti autonomamente per fare un controllo e poi chiedere al tuo professore se ritiene necessario che la citazione delle fonti rispetti ma modifica indicata dagli standard MLA.

Dal 2009, ad esempio, in base al formato MLA ogni citazione deve indicare il mezzo di pubblicazione: stampa, web, film o altri canali e supporti. Le URL un tempo considerate necessarie per le fonti web adesso non vengono più utilizzate, ma alcuni docenti potrebbero ancora volerle utilizzare, in questo caso segui questo accorgimento: inseriscile tra parentesi a uncinetto alla fine e concludi con un punto. Per gli indirizzi internet lunghi, spezza le righe solo davanti agli slash.

Citare un libro con il metodo MLA

citare le fonti in formato mlaL’ultimo paragrafo riguarda una delle più ricorrenti citazioni nei testi, quelle tratte dai libri. Ci sono davvero tanti modi diversi, ma ricorda che ciò che si rende davvero necessario ricordare è:

  • Autore o autori ed editore o editori
  • Il titolo completo
  • L’edizione, se indicato
  • Luogo di pubblicazione
  • Il nome abbreviato della casa editrice
  • La data di pubblicazione
  • Il mezzo di pubblicazione

Questi aspetti sono quelli che rientrano in tutte le tipologie di citazioni. Per comprendere meglio come vengono scritte e quindi inserite secondo i criteri MLA ecco un esempio pratico:

Cognome, Nome. Titolo del libro. Luogo di pubblicazione: casa editrice, anno di pubblicazione. Mezzo di pubblicazione.

Speriamo che questa guida sia stata utile per affrontare un momento delicato come la stesura di una bibliografia per la tesi o la citazione di una fonte per arricchire un testo di approfondimento o una verifica. Quanto riportato in questo articolo può essere utile anche come esempio di conclusione della tesi, in quanto la bibliografia va sempre nella parte finale e conclusiva. E rispettando i metodi tracciati dalla Modern Language Association farai un figurone.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali