informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come impostare una lettera formale: la guida step by step

Commenti disabilitati su Come impostare una lettera formale: la guida step by step Studiare a Chieti

Imparare come impostare una lettera formale è importante, è un’abilità che può essere sempre utile, sia nella vita di uno studente che nel percorso di un professionista. Anzi, quando si tratta di lavoro è una capacità imprescindibile. Pensa quanto saresti avvantaggiato se sapessi scrivere una bella lettera formale, senza errori e addirittura con uno stile originale e accattivante. Anche se la comunicazione è ormai veicolata dagli onnipresenti schermi non puoi fare a meno di conoscere le regole di redazione e scrittura che fanno la differenza. In questa guida ti aiutiamo a preparare la strada verso una lettera di successo.

Scrivere una lettera formale: le basi

come iniziare una lettera formaleTi trovi davanti a un foglio bianco, che sia elettronico o cartaceo non fa differenza, la struttura di una lettera formale resta la stessa. Questo tipo di comunicazione viene utilizzata soprattutto per scrivere a persone con cui non si ha un rapporto di confidenza. I destinatari di solito sono datori di lavoro, enti che ricevono presentazioni di business plan, personalità con cui siamo legati da vincoli professionali o burocratici. Nei restanti casi, ossia quando ci sia un rapporto più stretto tra le parti, la lettera con un tono formale potrebbe risultare inadatta se non addirittura ridicola. Immagini di rivolgerti ad un amico con la formula: “Egregio signore…”? Sarebbe davvero bizzarro.

Chiarita la tipologia di relazione che si intrattiene con il destinatario abbiamo più chiaro che uso si fa di queste missive: comunicazioni ufficiali, dichiarazioni formali e tutte le diffusioni di informazioni che necessitano di autorevolezza. Adesso possiamo iniziare a definire i punti essenziali, che nella fase di pianificazione possono essere sintetizzati in:

  • Intestazione
  • Oggetto
  • Trattazione
  • Conclusione
  • Destinatario

Lo stile adatto alla lettera

lettere formali già fatteNonostante la lettera non sia destinata a persone con cui intratteniamo un rapporto confidenziale non siamo costretti a scrivere come se ci stessimo rivolgendo a un austero monarca. La formalità è caratterizzata da uno stile chiaro, semplice e diretto. Non esagerare con termini aulici e con troppe aggettivazioni, cerca di esporre il nucleo del messaggio in maniera concisa, il linguaggio strettamente burocratico non è più così necessario. Soprattutto in questa epoca, in cui siamo costretti a leggere molte comunicazioni sui display dei cellulari e sugli schermi dei pc, è sempre più richiesto uno stile rapido ed efficace, senza troppi giri di parole. Sintesi è un’altra delle parole d’ordine per uno scritto che non risulti noioso dopo qualche riga. Ricorda questo consiglio soprattutto quando ti troverai a fare il tuo curriculum e a dover allegare una lettera di presentazione. Non farti scartare per noia, sii breve.

Gli elementi strutturali di una comunicazione scritta

Oltre al contenuto vero e proprio, quello espresso tra le righe, un’altra parte importante è costituita:

  • Mittente
  • Destinatario
  • Data
  • Luogo

Vediamo nel dettaglio come vanno inseriti queste informazioni. La formula cambia se si deve scrivere una lettera su un supporto cartaceo, oppure su un programma di scrittura, come nel caso in cui ti trovi a scrivere una mail formale. In entrambe le occasioni è prevista una precisa collocazione.

Come scrivere mittente e destinatario

Il mittente viene scritto in alto a sinistra, con il relativo indirizzo e i recapiti, mentre il destinatario viene subito dopo, in asso e allineato verso la destra. In alcuni casi sopra le informazioni relative al destinatario si trova la data e il luogo. Ma non è sempre così. È molto frequente trovare lettere che recano luogo e data in basso, dopo il testo centrale, allineato sulla sinistra. Attenzione! Per quanto riguarda il destinatario bisogna fare attenzione alla ragione sociale con cui si distingue e in apertura utilizzare una formula di cortesia, come:

  • Egregio Signore,
  • Gentile dott.sa
  • ma Sig.ra
  • dott.

Qui abbiamo visto formule abbreviate ed estese, di sicuro sono più gradevoli quelle estese, meno distaccate e fredde e più d’impatto. Nel caso in cui non conosciate esattamente il nome della persona che riceverà la lettera potete sempre optare per un generico riferimento all’ente, azienda, ufficio o altro, come il classico “Spett.le”.

Luogo, data e altri dettagli per una lettera perfetta

Come abbiamo detto prima data e luogo possono variare tra due posizioni principali:

  • In alto a destra sopra il destinatario
  • In basso a sinistra dopo il contenuto centrale

La differenza non è tanta, di solito chi utilizza la seconda formula vuole puntare su una maggiore ufficialità della lettera, come se fosse un vero e proprio documento scritto. Ma come si scrivono questi dati nel foglio? Le indicazioni precise richiedono prima il luogo, seguito dal simbolo di interpunzione della virgola, poi la data che può essere scritta in diversi modi. Il più utilizzato è quello gg/mm/aaaa.
A queste informazioni seguono altre che aiutano a comprendere il messaggio specifico della lettera. Un esempio? È sempre più utilizzato un campo per inserire l’oggetto della lettera, che circoscrive l’argomento di cui si parla all’interno, aiutando chi riceve la comunicazione a individuare di cosa si tratta. Da questo punto in poi è il momento del contenuto vero e proprio.

La stesura corretta: il corpo del testo

La lettera vera è propria è fatti di tutte le parole e le frasi che custodiscono il messaggio da recapitare. Le prime righe sono un’introduzione, sono di vitale importanza per intercettare l’attenzione del lettore. Un attacco d’effetto, con cortesia e assertività sarà apprezzato, soprattutto se ci si aggancia a eventuali comunicazioni avute in precedenza, che contribuiscono a fare da cornice. Ecco qualche esempio:

  • In seguito a un nostro primo colloquio telefonico…
  • Come da accordi presi…
  • In riferimento alla precedente comunicazione…

Questi sono solo esempi, che possono variare anche in base alle preferenze. Da questo incipit la lettera prenderà corpo facilmente, basta seguire uno stile incalzante, con frasi corte ed esplicative, non ridondanti, da rileggere e correggere se emergono dubbi e/o errori.

Le conclusioni

Non ti resta che chiudere la lettera, con le formule di saluto, importanti tanto quanto quelle di apertura. Una delle più classiche recita “in attesa di un vostro riscontro…” ma puoi anche cercare di essere più determinato, a seconda del tipo di risposta che ti aspetti di avere, senza calcare la mano. Un “certo di una vostra pronta risposta…” può già voler dire tanto delle aspettative celate dietro l’invito di questa lettera. Può funzionare. Firma la lettera, scrivi i saluti con termini adeguati, ad esempio “distinti saluti” e inviala. Se hai seguito attentamente questa guida, hai pianificato con attenzione le varie parti, hai riletto, corretto e riscritto in bella, bè, non ti resta da fare altro! Devi solo aspettare la risposta.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali